Comunicazione assertiva: cos'è e perchè serve - Roba da Donne

Ogni giorno ci capita di comunicare con persone diverse e per i più svariati motivi. Per esprimere un’idea o un’intenzione, per svago o anche per rivendicare un nostro diritto. Per questo imparare a farlo correttamente è fondamentale per rendere le nostre parole efficaci. Come? Con la comunicazione assertiva.

Dall’ambito lavorativo a quello familiare o personale, il modo in cui si parla è alla base delle nostre relazioni e di come ciò che vogliamo esprimere viene recepito da chi ascolta.

Durante una discussione è facile che si creino delle incomprensioni dovute magari a un approccio sbagliato, alle parole utilizzate, al tono o all’atteggiamento di chi parla (e anche di chi ascolta).

Un problema che, però, può essere evitato soprattutto se si impara a comunicare in modo assertivo.

Vediamo allora cos’è la comunicazione assertiva, perché è importante imparare a “praticarla” e perché, questo modo di interagire, è uno strumento estremamente prezioso per vivere in armonia sia le relazioni personali che quelle lavorative.

Linguaggio di genere: perché è importante dire architetta e ostetrico

Comunicazione assertiva: definizione e significato

Per prima cosa è bene specificare cosa significa la parola assertività. Questo termine arriva dal latino “ad serere” e significa, appunto, asserire o anche affermare se stessi.

La comunicazione assertiva, quindi, è la capacità (innata o appresa) di esprimere i propri sentimenti, difendere i propri diritti, comunicare un’opinione, scegliere come comportarsi a seconda del contesto e portare avanti le proprie idee o convinzioni, rispettando se stessi e gli altri senza prevaricazione alcuna.

Un elemento chiave in ogni tipo di relazione perché consente di esprimere ciò che si è e il proprio punto di vista, qualunque esso sia, rispettando le idee, i diritti, i bisogni e i limiti degli altri.

Il primo a delineare le caratteristiche di una personalità assertiva fu lo psichiatra statunitense Andrew Salter nel 1949 che, nel suo testo Conditioned Reflex Therapy, la definì come la predisposizione a esprimere i propri punti di vista e le proprie emozioni in modo entusiasta, spontaneo e aperto.

Al contrario, chi ha una personalità “inibita” o passiva, è incapace di comunicare i suoi sentimenti o il suo punto di vista e di assecondare i suoi impulsi naturali per paura di sbagliare e di non ottenere l’approvazione degli altri.

La comunicazione assertiva, quindi, si basa sul rispetto, in primis per se stessi e poi per chiunque si abbia di fronte e sulla volontà e capacità di difendere il proprio pensiero e ciò che si sente, in modo efficace e diplomatico.

Assertività vs aggressività

E questo, si sa, non è sempre facile. A volte, infatti, anche in modo non intenzionale, capita di esagerare e di cadere in atteggiamenti aggressivi che non giovano a nessuno.

Comunicare in modo assertivo o aggressivo, quindi, possono confondersi, pur essendo due modi di approcciarsi che partono da basi completamente diverse:

  • l’assertività si basa sull’equilibrio tra chi comunica e chi ascolta, tra noi e gli altri, comunicando il proprio pensiero in modo chiaro, deciso ma empatico;
  • l’aggressività si basa sulla vittoria di chi comunica verso chi ascolta. Si fonda sull’egoismo, sulla voglia di prevaricare e sull’ottenimento di ciò che si vuole senza riguardo verso gli altri.

Due punti di vista opposti che dipendono anche dal vissuto e dalle esperienze di ognuno e che, ovviamente, portano a risultati molto diversi.

Al contrario della comunicazione assertiva, infatti, comunicare in modo aggressivo genera conflitti, incomprensioni e cattive relazioni. Una condizione per nulla proficua e che, a lungo andare, diventa difficile da risolvere, portando molto spesso a rotture professionali e personali.

Un motivo in più per imparare a comunicare in modo assertivo. Perché si, chi non nasce con questa dote può imparare a farlo, allenandosi.

Comunicazione assertiva: come allenarla

Come detto, le parole sono importanti ma lo è altrettanto il modo in cui vengono espresse. Per questo, imparare e allenarsi a comunicare in modo assertivo è importante per garantirsi l’efficacia di ciò che si vuole dire.

La comunicazione assertiva si basa su tre cardini:

  • riconoscere ed esprimere le proprie emozioni;
  • manifestare i propri bisogni, desideri, critiche o preferenze;
  • difendere i propri diritti.

Come? Onestamente, con un linguaggio adeguato e diretto e sempre nel rispetto delle opinioni e dei diritti altrui. Un esempio di comunicazione assertiva molto semplice (e che quasi sicuramente sarà capitato a tutti), è il modo di esprimere ciò che piace oppure no.

Dire “non mi piace” invece di “non lo sai fare” o “è cattivo” pur non cambiando il concetto finale del nostro pensiero ha un impatto completamente diverso in chi riceve il commento.

Per prima cosa, quindi, prima di comunicare qualsiasi pensiero sarebbe bene valutare due aspetti fondamentali: cosa voglio dire e come dirlo.

Il “cosa”

Come detto, la comunicazione assertiva si basa sulla comprensione e la consapevolezza di ciò che si vuole esprimere.

Per questo, per imparare a farlo, si può iniziare scrivendo su un foglio il pensiero o concetto che si vuole manifestare, per poi provare a esprimerlo tenendo conto di quanto detto, controllando il linguaggio, il tono e il modo.

Il “come”

Anche l’atteggiamento fisico, infatti, determina la riuscita della comunicazione. L’espressione del viso, la postura, la gestualità, ecc.

Il Linguaggio del Corpo Maschile e Femminile: Ecco Come Interpretarlo

La comunicazione non verbale è una componente fondamentale della comunicazione assertiva. Avete presente il detto “vale di più uno sguardo di mille parole”? Questo è esattamente quello che accade.

Il corpo deve essere coerente con ciò che si vuole dire altrimenti la comunicazione perde il suo valore e le parole saranno rese nulle.

Ecco allora qualche esempio per allenare l’efficacia della nostra comunicazione.

Gli esercizi

Comunicare in modo assertivo significa, prima di tutto, rispettare. Una sorta di “gioco” in cui due persone si impegnano per portare a casa il risultato in modo che entrambi siano soddisfatti della propria partita.

Una logica in cui vengono in aiuto una serie di regole che insegnano come “giocare” e come rendere la comunicazione assertiva parte integrante del proprio modo di esprimersi. Vediamo quali sono e in cosa esercitarsi per diventare persone assertive.

1. Ascoltare in modo attivo

Quando una persona parla bisogna imparare ad ascoltare senza pregiudizi, liberando la mente dalle proprie opinioni personali, in modo da comprendere meglio il suo punto di vista. Per farlo si può:

  • ripetere ciò che si è ascoltato avendo così la conferma di aver capito;
  • fare domande su ciò che non è chiaro;
  • riassumere quanto ascoltato.

2. Esprimere le proprie esigenze in modo chiaro

Per aiutare chi ascolta a comprendere meglio ciò che vogliamo dire (soprattutto in ambito lavorativo) è importante esprimersi in modo chiaro, concreto, positivo e conciso. Restare sul vago può confondere l’uditore e innescare un meccanismo di difesa controproducente. Questo si può ovviare imparando a:

  • descrivere il comportamento che si sta mettendo in discussione (non è la persona a essere “giudicata”);
  • esprimere ciò che si prova mettendo in evidenza le caratteristiche positive dell’interlocutore;
  • coinvolgere la persona nella risoluzione di un proprio bisogno o problema.

3. Parlare in prima persona

Usare la prima persona facilita la comprensione verso ciò che si sta esprimendo e impedisce a chi ascolta di capire che si sta esprimendo un giudizio verso di loro.

Per esempio, dire “non sono d’accordo” al posto di “ti stai sbagliando” esclude un giudizio ma rimanda a un’opinione del tutto personale.

4. Comunicare i NO efficacemente

Dire di no a una situazione è un diritto che nessuno può togliere. Imparare a dirlo nel modo corretto è un modo per rendere il nostro no efficace e comprensibile, sia a livello lavorativo che personale.

Per esempio, motivandolo o aggiungendoci una proposta alternativa “no, non posso fare questo oggi ma potremmo farlo domani” e concludendo sempre in modo positivo e propositivo.

5. Prestare attenzione alla comunicazione non verbale

Il linguaggio del corpo è fondamentale nella comunicazione assertiva. Per questo allenarsi e imparare a muoversi è indispensabile per essere davvero assertivi.

Guardare negli occhi la persona con cui si parla, usare un tono fermo, deciso ma mai aggressivo, controllare che le espressioni del viso siano coerenti con quello che si vuole comunicare, sono tutti tasselli che vanno a completare l’efficacia del modo di esprimersi.

Toccarsi i capelli nel linguaggio del corpo: 6 significati che non conoscevi

Alcuni esempi di comunicazione assertiva

Vediamo allora alcuni esempi di comunicazione assertiva e come queste regole vengono messe in pratica.

  • Rispondere a un invito: “No grazie. Ti ringrazio davvero per averlo chiesto a me, ma quel genere di film/cibo/locale proprio non mi piace, verrò di sicuro alla prossima occasione”.
  • Esprimere dissenso verso qualcosa: “Non sono del tutto d’accordo/soddisfatto con questa cosa. Ti andrebbe di propormi qualcos’altro?”
  • Comunicare a qualcuno che non ci sta rispondendo: “Mi rendo conto che sei molto impegnato e non voglio rubarti tempo ma la tua risposta mi è necessaria / è fondamentale per poter procedere. Ho bisogno di averla al più presto”.
  • Evidenziare il comportamento scorretto di qualcuno: “Mi scusi ma forse non si è accorto che ero anche io in coda / mi ha spinta / ecc.”.
  • Difendere la propria opinione: “Ti ringrazio per la tua opinione è sicuramente un punto di vista diverso ma, in questo caso, non sono d’accordo con te”.
  • Fermare qualcuno che continua a interrompere un nostro intervento: “Mi sembra che le tue osservazioni siano molto interessanti. Appena avrò concluso il mio intervento risponderò a ognuna delle tue domande”.

Un modo di comunicare sicuramente più gentile e attento a chi ci sta intorno ma che non mette in secondo piano le proprie intenzioni e obiettivi. Ma perché la comunicazione assertiva è così importante e quali sono i vantaggi nell’imparare a esprimersi in questo modo?

Comunicazione assertiva: i vantaggi

Relazionarsi efficacemente e avere un atteggiamento assertivo in tutti gli ambiti della vita porta senza dubbio a tutta una serie di benefici, soprattutto a livello personale come:

  • ridurre l’ansia e lo stress;
  • aumentare l’autostima;
  • migliorare la considerazione che gli altri hanno di noi;
  • essere più tolleranti con se stessi per eventuali fallimenti;
  • evitare di subire le scelte degli altri e di essere sfruttati.
Fiducia in se stessi: 8 modi per aumentarla e smettere di sabotare la tua vita

Ma non solo. Comunicare in modo assertivo, infatti, può favorire le relazioni e la capacità di risolvere possibili conflitti in modo pacifico e con successo, migliorando i rapporti interpersonali e, soprattutto in ambito professionale, dando la possibilità di lavorare insieme più produttivamente.

In più, imparare a gestire in modo positivo le situazioni anche critiche che si possono verificare, implica il riconoscimento sia personale che esterno di un ruolo chiave e costruttivo, in qualunque tipo di relazione. E questo non può far altro che portare a effetti positivi su più fronti e a lungo termine.

Ecco, quindi, qualche consiglio per approcciarsi al meglio a questo nuovo modo di comunicare e, per estensione, anche di vivere.

Comunicazione assertiva: 7 consigli

  • Quando si decide di fare qualcosa occorre sempre chiedersi se è davvero quello che si vuole e non, invece, solo il senso dell’obbligo o del dovere che si fa strada. Seguire ciò che si sente è una delle basi della comunicazione assertiva e della vita stessa.
  • Nell’esporre le proprie idee è importante non farle pesare mai sugli altri, non farli sentire in colpa ma trasmettergli solo ciò che si vuole far capire, senza nessun’altra intenzione.
  • Non giudicare. Si può osservare e cercare di capire le ragioni dei comportamenti altrui ma senza puntare il dito.
  • Allo stesso modo non utilizzare mai criteri di giudizio troppo severi o rigidi verso se stessi. Il giudizio non è mai costruttivo ma, al contrario, pone limiti.
  • Non elevarsi a insegnanti di comunicazione assertiva. Piuttosto bisogna essere bravi a gestire la discussione.
  • Allenarsi. Fare esperienza è il modo migliore (e anche l’unico) per imparare a comunicare in modo assertivo, in ogni circostanza della vita.
  • Praticare l’asserzione negativa. Guardare con accettazione e positività anche i lati negativi del proprio carattere eviterà di creare ansie o preoccupazioni inutili e di essere troppo severi anche con gli altri.

Nessuno è perfetto e rispondere con un “sì, è vero” anche alle critiche che ci riguardano è un passo fondamentale nella propria crescita personale.

Uno step di consapevolezza e accettazione, per cui non è necessario scusarsi ma che, al contrario, ci rende più consci, veri e simili a quello che siamo veramente. E non c’è conquista migliore.

La discussione continua nel gruppo privato!