C’è un nuovo modo di vestire alla moda in ottica sostenibile: arriva il fashion rental, ovvero il noleggio di abiti e accessori che permette di risparmiare denaro e rispettare l’ambiente. Già diffuso in America e in Cina, è una pratica eco-friendly che sta prendendo gradualmente piede anche in Italia e che porta con sé una serie di vantaggi per i consumatori e per il Pianeta, limitando il ricorso alla moda fast fashion.

Cos’è il fashion rental?

Il fashion rental è la pratica che permette di noleggiare vestiti e accessori, anche di lusso e molto costosi. É un sistema sostenibile che consente di riutilizzare abiti, scarpe e borse che, una volta affittati e indossati, possono essere sfoggiati in altre occasioni da altre persone. Una vera e propria moda circolare che si propone di gestire in maniera virtuosa il settore moda disincentivando gli acquisti compulsivi guidati dall’imposizione di tendenze veloci che passano facilmente.

In particolare, il noleggio di capi di abbigliamento avviene attraverso delle piattaforme online e prevede una procedura ben precisa. Il fashion renter è colui che possiede il capo di abbigliamento da mettere a disposizione dei potenziali clienti per mezzo della tecnica del noleggio. Una volta restituito, ogni capo di abbigliamento e accessorio deve essere sanificato da parte dell’azienda che offre il servizio del renting, curandolo anche nella manutenzione.

L’affitto dei vestiti dura massimo 8 giorni e nel prezzo pagato per il noleggio è compreso il servizio di tintoria, sanificazione, sartoria e una minima quota assicurativa contro potenziali danni o macchie. Una volta restituito il vestito o l’accessorio torna disponibile per nuovi clienti e consumatori e il suo ciclo di vita è destinato a durare ancora di più.

Re-Fashion, ossia come modificare vecchi vestiti e dargli nuova vita: 10 idee
11

I vantaggi del fashion rental

Sembra proprio che affittare vestiti e accessori possa diventare un’abitudine simile all’affitto di una macchina o un appartamento. Secondo la Allied Market Research, entro il 2023, il noleggio fashion avrà un business di oltre 1,9 milioni di dollari.  Un’ipotesi che ci induce a essere speranzosi in un futuro in cui si spenderà in maniera sempre più consapevole, soprattutto quando si tratta di moda. Ma quali sono i  vantaggi del fashion rental?

  1. Risparmiare denaro. Il noleggio di abiti risulta conveniente per il consumatore il quale può indossare capi di abbigliamento di qualità senza spendere una fortuna. Inoltre, il fashion rental permette di indossare look eleganti e  lussuosi per cerimonie e matrimoni: piuttosto che acquistare un capo che mettereste solo una volta lo affittate, lo sfoggiate e lo restituite a un prezzo inferiore.
  2. Più spazio nell’armadio. Affittare vestiti e accessori soltanto nelle occasioni più importanti consente di avere più spazio nel proprio guardaroba tenendo soltanto alcuni capi chiave da indossare in maniera combinata durante il giorno. I vestiti e gli accessori potranno essere noleggiati in occasioni particolari o per toglierci qualche sfizio lussuoso, come quella borsa ultra firmata che tanto ci piace ma è troppo costosa.
  3. Riuso di capi che non indossiamo più. Ognuno di noi può prendere parte a questo grande progetto di moda sostenibile, mettendo a disposizione dei fashion renter capi di abbigliamento (firmati o no) da affittare. In questo modo i nostri vestiti e accessori ancora in ottimo stato avranno nuova vita e avremo contribuito, nel nostro piccolo, alla salvaguardia dell’ambiente.

Fashion rental e sostenibilità

Per troppo tempo moda e sostenibilità sono stati agli antipodi: oggi più che mai è urgente che entrambi i settori dialoghino tra loro e si impegnino per determinare un risultato immediato in termini di salvaguardia dell’ambiente e del Pianeta. Tenuto conto che il settore moda è tra i più inquinanti del mondo, infatti, urge più che mai adottare delle strategie di riciclo e riuso per bloccare la produzione selvaggia di prodotti fashion nuovi sul mercato.

Sustainable o eco-fashion, il movimento che sta rivoluzionando la moda

Grazie alla pratica del fashion rental, acquistare meno capi di abbigliamento permetterà di contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale che il mondo della moda ha sull’ambiente. Inoltre, una minore richiesta di capi di abbigliamento nuovi permetterà di limitare l’attività delle industrie fast fashion, tra i principali responsabili dell’inquinamento a livello globale.

Fashion rental: le migliori piattaforme online

Dress you can

Dress you can è una start up italiana che detiene il primato di aver portato in Italia (per la prima volta) la pratica del fashion renting, rendendo accessibile a tutti l’abbigliamento di lusso. Infatti, sul sito è possibile scegliere vestiti, scarpe, borse e accessori di alta moda per affittarli e restituirli dopo 4 giorni.

DrexCode

DrexCode è una piattaforma online che punta a rivoluzionare il modo di vivere la moda proponendo in affitto elementi del guardaroba selezionati da designer di lusso, emergenti o sostenibili. Una sorta di armadio virtuale in cui navigare per creare il look perfetto da sfoggiare tutti i giorni o per un’occasione particolare come una cerimonia.

Lovedress

Se si è alla ricerca di un abito da sposa da sogno senza spendere una fortuna, basterà navigare sul sito di Lovedress dedicato al noleggio dei vestiti da matrimonio. Come funziona? Basterà scegliere l’abito, prenotarlo, indossarlo e restituirlo dietro il pagamento di una quota inferiore rispetto al prezzo di acquisto di un vestito nuovo.

Arket

Lanciato dal gruppo H&M, Arket è un brand che offre il servizio di affitto di vestiti per bambini previo il pagamento di un canone mensile. Inoltre è possibile affittare anche prodotti fashion per adulti e oggetti per la casa.

Rent Fashion Bag

È un sito web specializzato nel noleggio di borse firmate dei più famosi brand di moda. Da Chanel a Dior, da Gucci a Hermès, basterà scegliere la borsa che più piace e stabilire per quanto tempo si vuole affittarla. Non resta che indossare la borsa griffata e restituirla al termine del periodo di affitto.

Borse autunno-inverno 2021/2022: i trend dalle passerelle

Articolo originale pubblicato il 8 Novembre 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!