Salopette donna: storia, outfit e abbinamenti, modelli e tipologie

Se inizialmente il suo sinonimo era umiltà, oggi è invece sofisticata e versatile. La salopette donna non conosce battuta d'arresto, tanto da essere un trend attualissimo ancora oggi. Ripercorriamo la sua storia che l'ha portata a farsi largo tra le file del mondo della moda, i modelli più amati, i look dai quali potete prendere ispirazione per sfoggiarla e alcuni pezzi delle sfilate 2020/2021.

Nasce come capo umile, pratico e pensato per chi lavora, per poi evolversi ed entrare nel mondo della moda, affermandosi nel tempo come pezzo evergreen del guardaroba femminile. La salopette da donna ha una storia lunghissima e parte da molto lontano, sotto ogni punto di vista.

Nasce originariamente come capo d’abbigliamento esclusivamente maschile e viene imprigionata nel mondo workwear, ma saranno gli anni ’30 e le dive di Hollywood a sdoganarla indossandola nei loro momenti di vita quotidiana, accendendo così i riflettori su di lei.

Perfetta per completare un look da giorno, ma con accessori e accostamenti giusti può trasformarsi in una mise elegante e formale.

Outfit jeans: tendenze moda e come abbinare gonne, camicie e jeans

La storia della salopette

La storia di questo capo ha inizio con il padre di uno dei pezzi evergreen del guardaroba: Levi Strauss e il tessuto denim. Una delle sue primissime occupazioni fu quella di venditore ambulante nelle miniere e per i lavoratori inventò la salopette, un capo d’abbigliamento inedito fino a quel momento.

Il termine da cui adotta il nome deriva dal francese e indica un indumento molto comodo, realizzato appositamente per essere indossato tutto il giorno specialmente da chi svolge i lavori più duri e pesanti.

Si compone di ampi pantaloni, spesso risvoltati, ma la caratteristica che la distingue da qualsiasi altro capo è la “pettorina” frontale che, grazie a due bretelle, collega la vita alle spalle. Per questo capo Levi utilizzò la celebre “tela de Nîmes”, oggi più comunemente definita denim.

salopette donna
La storia della salopette donna, dagli anni ’20 ad oggi. Fonte: pinterest

A lanciare la tendenza della salopette donna furono le star, proprio come accade anche oggi. Nel 1911 a Los Angeles muoveva timidamente i suoi primi passi l’industria del cinema che, con le sue dive e i loro look, avrebbe cambiato per sempre il modo di guardare la moda.

Negli anni successivi, segnati dalla guerra, i capi venivano realizzati con tessuti non particolarmente elaborati o preziosi, e le linee erano tutte molto semplici e umili. Ma le giovani donne, indossando un capo con i pantaloni, prettamente maschile e confinato nella categoria abbigliamento da lavoro, iniziavano a percorrere la strada dell’emancipazione partendo proprio dalla salopette.

Gli anni ’30 segnano la transizione di questo capo che dal workwear si fa largo nella categoria fashion: le salopette escono dalle fabbriche e le donne più ribelli la sfoggiano in ogni momento della loro giornata. Le loro muse ispiratrici sono Marilyn Monroe e Dorothy Mackaill che amavano indossarla nei rari momenti di vita privata.

L’attenzione della moda per questo capo si fa attendere fino agli anni ’60 perché, amata tanto dalle donne quanto dagli uomini, divenne un must have assoluto di entrambi i guardaroba.

Si allinea poi con i trend degli anni ’70, dove compaiono pantaloni svasati e a zampa di elefante, i colori si fanno più accesi grazie anche ai nuovi tessuti e alle eccentriche fantasie che circolavano in quel periodo.

Negli anni ’80 subisce una brusca frenata perché la sua immagine viene accostata al mondo dell’infanzia, ma torna sotto le luci dei riflettori negli anni ’90, quando si afferma come protagonista dei look urban-grunge. Tutto si nascondeva dietro piccoli gesti di ribellione, e la moda li interpretò abbassando le bretelle, sfoggiando zaini su una spalla sola e indossando il capellino con la visiera al contrario.

Come abbinare la salopette da donna

salopette donna
Come abbinare la salopette donna: dai look casual chic a quelli più eleganti. Fonte: pinterest

Estremamente versatile e facile da abbinare, la salopette può essere indossata in tantissimi modi e occasioni diverse. L’abbinamento più amato si ispira alla moda che ha segnato gli anni ’80: sneakers bianche con calzino in spugna ben in vista, felpa oversize e orecchini a cerchio dorati, più o meno grandi.

Il fit di questo modello è morbido sulla gamba, dove il risvolto viene fatto per mostrare le fantasie e i colori delle calze. Lo street style contemporaneo, invece, ama le linee e gli accostamenti più sofisticati. Per un outfit da ufficio potete ispirarvi alla salopette nel lavaggio in denim più scuro abbinata ad un paio di mocassini bassi, una canotta bianca con spallino largo e, naturalmente, l’immancabile borsa a tracolla.

Il foulard al collo è un tocco anni ’70 che potrete adottare anche in vita: per dare un tocco di colore al vostro look potete indossare una cintura o un foulard in fantasia. Il tacco, invece, chiama un modello di salopette con fondo ampio, proprio per dare movimento alla figura quando è in movimento.

Il modello con gonna ha conquistato e sta tutt’ora conquistando sempre più ammiratrici. La sua stagione preferita è l’autunno, proprio perché l’abbinamento perfetto la vede accostata ad un paio di anfibi (anche platform) o un paio di ankle boots in pelle o in vernice. Per un outfit casual chic optate per un maglioncino, una felpa o una t-shirt oversize, meglio se in tinta unita, a cui andrete ad abbinare una borsa da giorno, meglio se a mano, e il vostro paio di anfibi del cuore.

Un dolcevita aderente e una camicia bianca saranno invece perfetti per un look elegante da giorno.

Salopette da donna: tipologie e modelli

salopette donna
Le tipologie e i modelli di salopette donna. Fonte: asos

Classica, imperdibile e da avere sempre nell’armadio. Nel classico lavaggio denim, ASOS Design propone la salopette in jeans blu délavé, con pratiche tasche (sia davanti che sul retro) e chiusure con bottoni, regolabili.

Reclaimed Vintage Inspired, in esclusiva per ASOS, propone invece un modello in tonalità ecrù slavato, con scollo squadrato, spalline regolabili e fondo ampio.

Nel suo catalogo, Only aggiunge una salopette corta con fondo a risvolto, nel lavaggio più acido del denim.

Se siete alla ricerca di un modello più elegante e da sfoggiare anche in ufficio, ASOS Design propone la versione in jersey nera della più classica salopette. Aperta sul retro, le spalline sono regolabili grazie a raffinati fiocchi che si formano sopra la spalla. Il tessuto morbido e pratico vi permetterà di indossarla abbinata ad una camicia bianca e un paio di mocassini o décolleté per un look più elegante, oppure sneakers o ciabatte platform per outfit più casual e sportivi.

Se vi piace sperimentare, Allegra K propone una salopette donna con gonna: da abbinare sia con le vostre inseparabili sneakers che con le maschiette o una scarpa più elegante, come le kitten heel.

Salopette gonna Allegra K

Salopette gonna Allegra K

Un colore per ogni stagione! La salopette con gonna di Allegra K è il compromesso perfetto se siete alla ricerca di un capo veloce da indossare ma al tempo stesso pratico, elegante e chic. Disponibile in 5 diverse varianti colore (borgogna, liquirizia, nero, blu scuro e verde) è realizzata in 100% cotone con motivo a coste. Nelle occasioni più formali potete indossarla con una camicia bianca o colorata, per il tempo libero, invece, potete optare per un crop top o una t-shirt nelle stagioni più calde, e un maglioncino dolcevita in autunno e inverno.
18 € su Amazon
Pro
  • Disponibile in 5 diverse varianti colore
  • Realizzata in 100% cotone con motivo a coste
  • I bottoni centrali sono decorativi ma ha una cerniera laterale a scomparsa, è regolabile tramite bottoni
Contro
  • La cerniera laterale è particolarmente delicata: prestate attenzione quando la chiudete

La salopette nella moda 2020/2021

salopette donna
La salopette da Salvatore Ferragamo e Longchamp, passerelle 2020/2021. Fonte: pinterest

Le catwalk parlano chiaro: quest’anno la salopette si tinge di tonalità calde e avvolgenti, mentre i materiali si fanno più elaborati e sofisticati.

Salvatore Ferragamo nella sua FW 2020/2021 fa sfilare una salopette audace ma assolutamente elegante. Il color cioccolato tinge il capo in pelle morbida dove la più classica pettorina viene sostituita da una lunga cerniera centrale, le bretelle spariscono per lasciare il posto a due ampi ganci dal sapore workwear.

Longchamp, invece, propone due versioni di salopette in suede e in una tonalità a metà tra l’arancione mattone e il rosso terroso. Il primo modello ha il fondo a gonna, ma viene proposta una versione mini e too short: per questo, il marchio la lascia morbidamente cadere sopra una gonna pantalone in pelle, abbinando una cintura doppia per sottolineare il punto vita.

Il marrone caldo riveste invece il modello più classico, che viene però ripulito da tasche, cuciture a vista e bottoni.

La discussione continua nel gruppo privato!