diredonna network
logo
Stai leggendo: Scuola: addio a “mamma e papà” nei moduli d’iscrizione

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Scuola: addio a "mamma e papà" nei moduli d'iscrizione

Mai più "mamma e papà" nei moduli d'iscrizione scolastici, saranno sostituiti dall'unica parola "genitore".
(foto:Web)

È in arrivo una grande novità per quanto riguarda la burocrazia scolastica.
Mai più “madre” e “padre” nei moduli d’iscrizione alle scuole dell’infanzia, entrambi saranno sostituiti sotto la voce “genitore”.
Una rivoluzione che a Milano partirà dalla settimana prossima.
Una novità che rispecchia la volontà di Pisapia di donare gli stessi diritti anche alle unioni civili, attraverso una delibera dello scorso anno.

Chiaramente sono nate subito delle polemiche riguardanti questo provvedimento e il senatore Roberto Formigoni ha immediatamente twittato il suo disappunto contro il sindaco Pisapia. La consigliera del Pd, Rosaria Iardino, artefice di questa “piccola rivoluzione” ha spiegato il suo punto di vista nell’equiparazione delle unioni civili alle famiglie per quanto riguarda i servizi offerti dall’amministrazione. Non solo iscrizioni scolastiche quindi:
“Lo stesso principio verrà applicato anche per gli abbonamenti dei mezzi pubblici, le mense e così via, con una delibera ad hoc alla quale sto già lavorando e che spero di presentare a maggio. Stiamo ragionando anche sulle liste per la casa popolare, ma lì la competenza è regionale e dobbiamo capire quale sia l’autonomia del Comune”.

A voi la parola.