diredonna network
logo
Stai leggendo: Petizione shock su internet: “50mila firme affinchè Paolo Ruffini si tolga la vita”

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Petizione shock su internet: "50mila firme affinchè Paolo Ruffini si tolga la vita"

Una petizione shock è circolata su internet in questi giorni:"50mila firme affinché Paolo Ruffini si tolga la vita!"
(foto:Web)
(foto:Web)

Una petizione shock che si credeva, e sperava, essere solo un fake.
E invece era tutto reale.
Cattivo gusto e imbarazzante assenza di umanità: solo in questo modo è possibile descrivere la petizione online “50mila firme affinchè Paolo Ruffini si tolga la vita”.
Avete letto bene, nessun errore. Per qualche giorno sul web è circolata questa petizione, cancellata finalmente da Change.org.

L’aria è un bene importante e di tutti. Lui con la sua esistenza sta sprecando inutilmente ossigeno. Il nostro. Se hai un cuore, firma e condividi. È per una buona causa”.

Una trovata che ha sicuramente superato il limite e il tutto diventa ancora più scioccante se si pensa che già centinaia di persone avevano firmato, motivando anche la loro scelta:
“È l’erede della continuazione della rovina della comicità italiana”, “dopo la sua morte il pianeta Terra sarà sicuramente un posto migliore. Paolo non deluderci e ammazzati” e via dicendo.
Il giovane conduttore non ha commentato, ma è stato invaso da messaggi di solidarietà da parte dei fan e non solo.

Come già detto la petizione è fortunatamente stata cancellata da Change.org in seguito alle segnalazioni: “Ci sono termini di condizione d’uso previsti dalla piattaforma, tra questi la non istigazione alla violenza e il non usare un linguaggio di odio nei confronti di chiunque, che chiediamo di rispettare e che, invece, in questo caso non sono state rispettate, per cui abbiamo provveduto alla rimozione della petizione”