diredonna network
logo
Stai leggendo: Petizione shock su internet: “50mila firme affinchè Paolo Ruffini si tolga la vita”

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Oroscopo dal 9 al 15 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Petizione shock su internet: "50mila firme affinchè Paolo Ruffini si tolga la vita"

Una petizione shock è circolata su internet in questi giorni:"50mila firme affinché Paolo Ruffini si tolga la vita!"
(foto:Web)

Una petizione shock che si credeva, e sperava, essere solo un fake.
E invece era tutto reale.
Cattivo gusto e imbarazzante assenza di umanità: solo in questo modo è possibile descrivere la petizione online “50mila firme affinchè Paolo Ruffini si tolga la vita”.
Avete letto bene, nessun errore. Per qualche giorno sul web è circolata questa petizione, cancellata finalmente da Change.org.

L’aria è un bene importante e di tutti. Lui con la sua esistenza sta sprecando inutilmente ossigeno. Il nostro. Se hai un cuore, firma e condividi. È per una buona causa”.

Una trovata che ha sicuramente superato il limite e il tutto diventa ancora più scioccante se si pensa che già centinaia di persone avevano firmato, motivando anche la loro scelta:
“È l’erede della continuazione della rovina della comicità italiana”, “dopo la sua morte il pianeta Terra sarà sicuramente un posto migliore. Paolo non deluderci e ammazzati” e via dicendo.
Il giovane conduttore non ha commentato, ma è stato invaso da messaggi di solidarietà da parte dei fan e non solo.

Come già detto la petizione è fortunatamente stata cancellata da Change.org in seguito alle segnalazioni: “Ci sono termini di condizione d’uso previsti dalla piattaforma, tra questi la non istigazione alla violenza e il non usare un linguaggio di odio nei confronti di chiunque, che chiediamo di rispettare e che, invece, in questo caso non sono state rispettate, per cui abbiamo provveduto alla rimozione della petizione”