"Voglio una società per cui non valgo meno se non ho il pene o ho il ciclo"

Chiara Bucello, attivista, sorda dalla nascita, ci ha letto un suo scritto in un video toccante, che ci fa riflettere sui pregiudizi. Non legati alla disabilità, ma all'essere donna, e a tutte le volte che ciascuna di noi si è sentita "sbagliata".

Next video

Cosa succederebbe se potessi parlare con la te stessa prima del virus?

Clear

Molto spesso la disabilità, di qualunque genere, è ancora vista come un limite. E non solo per colpa di una mentalità ancora estremamente diffusa, che poi è alla base anche di fenomeni opposti ma intrinsecamente collegati come l’inspiration porn, ma anche perché esistono ancora moltissime barriere, culturali prima ancora che strutturali, che contribuiscono ad alimentare questa percezione di diversità.

Per questo esempi come quelli di Chiara Bucello sono molto importanti per tentare di parlare in maniera seria e concreta della disabilità, senza fare dell’ablesplaining spicciolo.

Chiara, sorda dalla nascita, è ideatrice, assieme a Ludovica Billi, dell’account Instagram The Deaf Soul, da cui cerca di sensibilizzare il pubblico sul tema della disabilità e, in particolare, dell’ipoacusia, di cui soffre il 12% della popolazione italiana.

Quindi quando sono nata avevo già un mistero addosso, un qualcosa di grande che non si poteva spiegare. Come se la sordità fosse predestinata a me.

Ci ha spiegato in un testo che ci ha inviato e che abbiamo voluto riportare integralmente.

Chiara Bucello: "Oggi la mia sordità è mia amica" - INTERVISTA

Anche questo, che legge per noi, è un testo che ha scritto lei, che vale la pena ascoltare ma, soprattutto, comprendere fino in fondo. Perché qui non si parla della sua disabilità, perché Chiara non è la sua disabilità.

Chiara è una donna e, in quanto tale, ha dovuto affrontare nella sua vita i problemi, i pensieri, gli interrogativi che almeno una volta nella vita ogni donna si è trovata davanti: il senso di inadeguatezza, di non essere mai “giusta”, gli sguardi o le proposte moleste, tutte subordinate alla grande domanda: se fossi nata uomo, sarebbe successo lo stesso?

 

 

Articolo originale pubblicato il 18 Marzo 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!