Quando si tratta di richiedere un aumento di stipendio, o di definire il proprio salario durante un colloquio per un nuovo lavoro, saper negoziare è basilare.

Farsi cogliere impreparati su ciò che ruota attorno allo stipendio, ad una promozione o semplicemente ad un aumento, rappresenta di fatto una perdita in partenza, ancor di più se ciò che si sta svolgendo è un lavoro da sogno.

Tuttavia, porre la fatidica domanda al proprio capo o responsabile può rivelarsi più complicato di quanto auspicato: il timore di ricevere un rifiuto o di non saper cogliere il momento opportuno rischia di generare ansia e insicurezza. Al contempo, la scelta di una strategia fuori luogo o inappropriata con ogni probabilità non darà luogo al risultato sperato. Come fare allora per ottenere quanto si ritiene di meritare? Fondamentale è risultare preparati a dovere: ecco alcune indicazioni utili per chiedere un aumento di stipendio nel modo più corretto e professionale.

Come imparare a parlare di soldi e chiedere promozioni (soprattutto se sei donna)

1. La negoziazione inizia prima di quanto si possa pensare

Ogni reclutatore degno di nota, specie in fase di colloquio di lavoro, richiede al candidato quali siano le aspettative di stipendio legate alla mansione in oggetto: in questo caso è fondamentale non esporsi troppo e non quantificare il compenso in maniera specifica.

Meglio semplicemente controbattere richiedendo allo stesso quale fascia di stipendio sia prevista in quel caso dall’azienda, per poi rimandare alla decisione finale e alla negoziazione vera e propria, una volta incontrato l’intero team di lavoro. Temporeggiare rappresenta infatti la soluzione ideale per esibire con successo la propria professionalità, senza tuttavia porre il focus solo sui compensi: mostrare entusiasmo verso la mansione ricoperta, una volta familiarizzato con l’intero ambiente di lavoro, renderà sicuramente più facile predisporre benevolmente il reclutatore verso successive richieste di carattere economico.

2. Porre eventuali domande e richiedere informazioni al proprio responsabile 

In fase di colloquio, così come qualora si intenda richiedere un aumento di stipendio, non è importante semplicemente rispondere alle domande, ma anche porne a propria volta al responsabile o allo stesso capo, una pratica che rappresenta un plus destinato a tornare utile anche in fase di negoziazione.

Conoscere quale priorità guidi il team di lavoro in quel dato momento, così come la relativa struttura organizzativa, può rivelarsi utile tanto quanto avere ben chiare le motivazioni che hanno portato l’azienda ad aprire una specifica posizione al pari di quali sfide dovrà affrontare chi è destinato a ricoprire il ruolo richiesto.

3. Indagare sui dati legati a posizioni simili a quella ricoperta

Prima di chiedere un aumento di stipendio, può rivelarsi sicuramente utile informarsi e indagare a fondo il settore, in modo tale da conoscere approfonditamente l’attuale condizione del mercato del lavoro e comprendere se il proprio stipendio corrisponde o meno alla media nazionale: disporre di un chiaro scenario della situazione in essere, permette di quantificare più facilmente l’eventuale proposta, rendendola senza alcun dubbio più concreta, oggettiva e assecondabile da parte del capo del personale o addirittura dell’azienda, incrementando così le opportunità di successo.

4. Non cedere alla pressione

Quando si intende richiedere un aumento di stipendio o definire il proprio compenso in fase di colloquio, si rivela basilare non cedere mai alla pressione da parte del reclutatore, a prescindere che lo stesso sia il capo dell’azienda, così come un semplice responsabile: una volta definita la posizione lavorativa e le relative mansioni, spesso chi è deputato a negoziare pone il candidato, o colui che ha inizialmente richiesto un aumento, nella condizione di quantificare nuovamente il proprio compenso, facendo leva sulla persuasione.

Frasi quali “se mi indica gentilmente una cifra indicativa, farò in modo che le venga concessa“, sono sovente banali escamotage per giocare al ribasso, facendo credere di fatto al candidato il contrario. Il classico “specchietto per le allodole” facilmente eludibile proponendo invece di quantificare il range di flessibilità legato ai compensi definiti dalla stessa azienda.

5. Giustificare la propria richiesta in maniera concreta

Prima di affrontare la negoziazione è necessario definire in modo corretto i propri punti di forza e le proprie competenze, esibendo i risultati raggiunti e ed eventuali criticità portate a risoluzione: riportare eventuali casistiche in maniera concreta rappresenta sovente una vera e propria determinante al fine di vedere posta in essere la propria richiesta. Quantificare la cifra relativa all’aumento auspicato, tenendo conto delle proprie competenze e abilità, consente di gestire più facilmente la trattativa, gestendo personalmente le redini.

6. Trovare il momento opportuno per avere un confronto col proprio capo

Quando si tratta di richiedere un aumento di stipendio, è fondamentale evitare l’improvvisazione ma pianificare al contrario con un certo anticipo l’incontro col proprio capo o responsabile, richiedendo un appuntamento, in modo tale da trattare con tranquillità tale questione spesso particolarmente delicata.

Anche la flessibilità è sicuramente apprezzata: qualora il proprio superiore stia affrontando un periodo di particolare stress, è sicuramente meglio rimandare. Un superiore maldisposto non aiuterebbe di certo nel veder realizzata la propria richiesta.

7. Mantenere un certo self control tenendo a bada le emozioni

Tenere a bada le emozioni quando si è a colloquio con il proprio capo per richiedere un aumento di stipendio, è fondamentale al fine di rendere un successo l’esposizione delle proprie ragioni. Meglio evitare lamentele, rivendicazioni o polemiche sterili, tenendo sempre a mente che gli aumenti di stipendio vengono concessi per meritocrazia e non semplicemente perché si ha bisogno di denaro. Puntare sul “pietismo” è dunque di fatto una pessima idea. Meglio la concretezza.

8. Non deludere le aspettative ma mostrare proattività

Una volta perseguito il tanto agognato obiettivo di un aumento di stipendio, mai allentare la presa: è sicuramente utile mostrarsi sempre disponibili, proattivi e ancor più produttivi per evidenziare ulteriormente la propria credibilità e professionalità. I superiori tendono a prestare particolare attenzione a tali atteggiamenti: confermare loro di aver effettuato la scelta giusta, non potrà fare altro che incrementare la fiducia riposta, aprendo sicuramente le porte a nuove e proficue opportunità per il futuro.

Articolo originale pubblicato il 11 Gennaio 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!