Un cortissimo lembo di stoffa che da più di 50 anni fa parlare di sé, diventando il simbolo dell’emancipazione femminile. Stiamo parlando della minigonna, un capo di abbigliamento intramontabile che non passa mai di moda e che ha condotto le donne lungo un percorso di libertà sul proprio corpo.

La minigonna è infatti uno dei capi più simbolici del Novecento, un oggetto che ha rivoluzionato i valori sociali e il gusto estetico di quell’epoca portando con sé una nuova idea di femminilità improntata alla libertà di espressione.

La storia della minigonna

La storia della minigonna ha inizio nel 1963, quando la stilista britannica Mary Quant, madrina di questo capo di abbigliamento rivoluzionario, decide di interpretare l’esigenza delle giovani donne londinesi di indossare gonne sempre più corte che scoprissero le gambe e che potessero liberarle dalle lunghe gonne con sottovesti.

È così che la minigonna appare per la prima volta nella vetrina del suo negozio Bazaar in King’s Road a Londra interpretando il desiderio delle donne dell’epoca di indossare un capo di abbigliamento che permettesse libertà di movimento e di essere comode in ogni momento della giornata.

Tuttavia, a condividere la patria potestà della minigonna insieme a Mary Quantz subentra lo stilista André Courrèges che, in quegli stessi anni, crea un nuovo modo di vestire improntato all’innovazione dove le protagoniste sono proprio i modelli di minigonna colorate e squadrate. L’intento dello stilista Courrèges era proprio quello di rappresentare il desiderio delle donne di indossare un capo di abbigliamento confortevole, semplice e libero nei movimenti.

Da quel momento la minigonna ha subito una rapida ascesa grazie anche a celebrities dell’epoca che contribuirono al suo successo. Tra queste, la modella Twiggy diventata il simbolo delle donne avanguardiste. Seguita da Brigitte Bardot e Jackie Kennedy che la resero un capo versatile da indossare tutti i giorni iniziando un percorso di cambiamento negli usi e costumi sociali che fino a quel momento vedevano la donna relegata esclusivamente al ruolo di mamma e angelo del focolare.

Negli anni ’70 la minigonna diventa oggetto di critiche da parte dello stesso movimento femminista, che vedeva questo capo di abbigliamento come il simbolo della “donna oggetto”. Soltanto negli anni ’90 la minigonna trova la sua massima espressione grazie a stilisti come Yves Saint Laurent, Gianni Versace e Karl Lagerfeld, che la resero un capo must have delle loro collezioni nelle forme e misure più disparate.

Ancora oggi la minigonna è un trend intramontabile, amata da tutti gli stilisti che non mancano di inserirla in passerella presentandola in modelli sempre più contemporanei e innovativi. Nel 2015, inoltre, è stata istituita la giornata mondiale della minigonna che cade ogni 6 giugno. A volerla è Rachid Ben Othman, presidente della Lega in difesa della Laicità e della Libertà, e l’attivista femminista Najet Bayoudh, in segno di protesta contro un atto discriminatorio nei confronti di una studentessa algerina, alla quale era stato impedito di sostenere un esame a causa della sua gonna, ritenuta troppo corta.

Minigonna: outfit e abbinamenti

La minigonna non conosce limiti in termini di abbinamento e può essere indossata in ogni occasione da mattina a sera. Il risultato? Un capo chiave del guardaroba dallo stile versatile e che permette di personalizzare ogni look.

Insieme a collant colorati e sneakers per look casual da tutti i giorni o con blazer e décolleté per outfit formali, la certezza è che la minigonna risolverà sempre ogni indecisione in fatto di stile.

Inoltre, la minigonna non conosce stagione e sebbene scopra le gambe può essere sfoggiata dall’inverno all’estate senza riserva anche a gambe nude. Un esempio? L’outfit di Hailey Bieber che abbina una gonna di jeans con spacco centrale a un top e un paio di stivali alti per un look casual e street style.

Le tipologie di minigonna

Dalle minigonne in pizzo e in pelle a quelle in jeans fino alle versioni con spacco o ai modelli romantici plissettati: la minigonna può essere sfoggiata in svariati modelli e assicura sempre uno stile impeccabile.

Ecco alcuni modelli sui quali puntare.

Gonna con spacco centrale
Minigonna con spacco

Minigonna con spacco

Ideale per look da sera
13 € su Amazon

Sensuale, audace ed elegante, la gonna con spacco laterale o centrale è l’ideale per creare look da sera. Si abbina facilmente insieme a una camicia o una blusa colorata per un outfit sobrio ma ricercato.

Con tasche laterali
Minigonna di jeans

Minigonna di jeans

Ideale per tutti i giorni
36 € su Amazon
44 € risparmi 8 €
Pro
  • Denim elasticizzato
Contro
  • Veste una taglia in meno

La minigonna di jeans è il capo di abbigliamento che anticipa la bella stagione abbinata a giubbotti in denim e snakers per look primaverili freschi e casual. Tuttavia, può essere abbinata anche a top e camice e un paio di scarpe con tacco per renderla casual ed elegante al contempo.

Stile college
Minigonna plissettata

Minigonna plissettata

Ideal per look bon ton
Compra su Amazon
Pro
  • Nessuno
Contro
  • Vestibilità piccola

Il pezzo chiave delle divise da college, la minigonna plissettata è tra i modelli più in voga del momento. A caratterizzarla sono una serie di pieghe che si aprono come la corolla di un fiore a ogni movimento. In tartan oppure monocolore ha uno stile bon ton e ricercato che la rende ideale da abbinare a ogni capo a t-shirt, top e bluse in ogni stagione.

La minigonna in passerella

Per la primavera/estate 2022 la minigonna è la protagonista indiscussa in passerella. Corta anzi cortissima e a vita bassa oppure appena sopra il ginocchio in versione vintage, questo capo di abbigliamento è un capo immancabile da sfoggiare durante la bella stagione.

Il brand Msgm la reinventa in una versione a portafoglio con fantasia a quadretti colorati da abbinare a top minimalisti e ciabatte, per creare look versatili con cui passare dalla spiaggia all’aperitivo.

Nella collezione Spring-Summer 2022 di Dior, la minigonna appare in passerella in un modello che ricorda gli anni ’60. Si tratta di una versione a trapezio e midi appena sopra il ginocchio e super colorata, da abbinare a giacche corte e sandali per look sofisticati e chic.

Per Versace la minigonna invece è il capo chiave di look scintillanti da sera: come il modello super corto tempestato da paillettes bronzo e dorate da abbinare a mini top a fascia che scoprono l’ombelico.

Infine, Miu Miu riporta in auge la gonna a vita bassa che è tra i modelli più in voga della prossima estate. A caratterizzarla sono le misure mini e una cintura in vita che mette in mostra la pancia dalla quale si intravedono mutande griffate. Come abbinarla? Insieme a camice cortissime e crop top.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!