diredonna network
logo
Stai leggendo: I Modi per Rendere il Reggiseno “Invisibile” Sotto ai Vestiti

I Modi per Rendere il Reggiseno "Invisibile" Sotto ai Vestiti

Come indossare un abito o una maglia particolari senza rinunciare al sostegno del reggiseno? Scopriamo qualche innovazione per quanto riguarda i reggiseni invisibili, quali sono, dove trovarli e come indossarli.
Reggiseno invisibile
Fonte: Web

Quante volte vi capita di indossare un abito con scollatura particolare e non sapere come nascondere il reggiseno? Oppure provate anche a comprare un reggiseno abbinato ad un certo vestito ma ancora non si può guardare? Ecco qualche soluzione efficace a questo fastidioso problema che ogni donna prima o poi si troverà ad affrontare!

1. Il reggiseno color carne o con spalline trasparenti

Reggiseno invisibile
Fonte: Web

È la scelta più immediata per quando il reggiseno non dà poi così fastidio ma non deve risaltare troppo. È la soluzione più semplice e ne potete trovare davvero di molti tipi in tutti i negozi di intimo.
Il color carne va bene se l’occasione non è troppo formale e se la persona che lo indossa non se la sente di rinunciare alle spalline, è importante scegliere il colore giusto perché ovviamente per quanto poco il reggiseno si vedrà.

Il reggiseno con spalline trasparenti è un’altra alternativa che in molte usano, soprattutto durante il periodo estivo è molto facile vedere ragazze con vestitini senza spalline indossare i reggiseni con bretelline trasparenti.
Molte donne ricorrono al reggiseno con spalline trasparenti, ma diciamoci la verità: il silicone trasparente si vede chiaramente sulle nostre spalle ed è piuttosto antiestetico.

2. Il reggiseno a fascia senza spalline

Reggiseno invisibile
Fonte: Web

Il reggiseno a fascia può essere dritto o a bustier. È perfetto per quando le spalline del reggiseno non devono proprio esserci, quindi abbinato a bustini o capi che lasciano la zona delle scapole e le spalle scoperte. La pecca di questo tipo di reggiseno è che non solleva tanto quanto un reggiseno con le spalline. Per trovare qualcosa che vi soddisfi dovrete provarne di varie marche per poi capire quale fa per voi e svolge il suo lavoro di reggere oltre a non vedersi.

3. Il reggiseno adesivo

Reggiseno invisibile
Fonte : Web

Si chiamano Pushbra e non hanno un filo di stoffa. Il Pushbra infatti è composto da due soli adesivi, gli adesivi sono ovviamente monouso e venduti in scatole da dieci. Questi adesivi sollevano il seno e gli danno sostegno. L’applicazione richiede un po’ di attenzione, innanzitutto bisogna ritagliare l’adesivo in base alla misura della nostra coppa, poi con delicatezza aprire la prima parte dell’adesivo e appoggiarla sopra al capezzolo, bisogna poi aprire l’adesivo, sollevare il seno tirandolo verso l’alto e attaccare la seconda parte dell’adesivo in base all’altezza che volete il vostro seno abbia. Il meccanismo è contrario a quello di un push up, il seno non viene sollevato nella parte inferiore ma nella parte superiore. Può funzionare ed essere efficace per chi ha il seno piccolo e facilmente sostenibile. Spesso viene usato dalle donne come reggiseno push up invisibile sotto ai costumi da bagno! E voi lo provereste?

4. Il reggiseno in silicone

Reggiseno invisibile
Fonte: Web

I reggiseni in silicone sono in commercio da qualche anno ma molte donne sono ancora piuttosto scettiche al riguardo. Più che un reggiseno invisibile si tratta di vere e proprie coppe. Sono appunto invisibili, modellano il seno e non lasciano segni sotto agli abiti. Le coppe in silicone si possono acquistare online, nell’ultimo periodo iniziano a vedersi anche nei negozi di intimo come Yamamay, Intimissimi e Tenezis che ci hanno dedicato delle linee. Le coppe di silicone non sono molto belle da vedere e si possono quindi trovare ricoperte di cotone o microfibra, in modo da somigliare di più ad un tradizionale reggiseno. La schiena e le spalle sono completamente nude perché non si allaccia dietro ma davanti. L’applicazione inizialmente può sembrare molto scomoda, una volta capito il procedimento sarà immediata. Se non le applicate correttamente è probabile che continuino a scivolare verso il basso. In questo caso non c’è bisogno di adesivi perché il silicone è appiccicoso, dovrete semplicemente raccogliere i seni dall’esterno verso l’interno, appoggiare le coppe spostando i seni verso il centro e chiudere il gancetto che collega le due coppe. Le coppe vanno lavate dopo ogni volta dopo l’uso.
Questo reggiseno non è sicuramente un reggiseno comodo ma aiuta molto in situazioni in cui non deve vedersi la biancheria, non essendo una cosa da tutti i giorni vale la pena di essere indossato quanto l’occasione lo richiede.

E voi, quale soluzione preferite? Vi fidereste di questi nuovi metodi?