diredonna network
logo
Stai leggendo: “He Took His Skin Off For Me” La Storia di Un Uomo Che Si è Tolto La Pelle Per Amore

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Kasia Smutniak: "Ho imparato a stare sola. Non vedo l'ora di diventare vecchia"

Assomigliamo ai nostri nomi: uno studio lo dimostra

"Chi ha paura dell'uomo nero?": quel tweet di Rita Pavone e il "Papa musulmano"

I riti e i significati del matrimonio indiano: l'amore è sempre combinato?

Come pulire la lavatrice: 4 rimedi fai da te super efficaci

Da "scopa di più" a "Una signorina non...": le frasi sessiste che diciamo ogni giorno

Andrea Pace, la lettera della sorella per dire addio al piccolo Masterchef Junior

Esperimento: "Vi raccontiamo come è facile fingersi una star di Instagram e farsi pagare dai brand"

"He Took His Skin Off For Me" La Storia di Un Uomo Che Si è Tolto La Pelle Per Amore

"He Took His Skin Off For Me", quando l'amore si trasforma in gesti estremi per rendere l'altro felice.
(foto: Web)
(foto: Web)

 

 

“He Took His Skin Off For Me”una storia d’Amore che arriva dritta allo stomaco come un pugno, basata sul racconto breve di Maria Hummer.

Il sacrificio estremo di un uomo fatto per la donna che ama.
Un ritratto di una relazione amorosa inquietante, che pur se surreale sotto tanti punti di vista diventa estremamente realistica: spesso si è costretti a fare dei sacrifici per rendere felici chi si ama.
Perchè Amare significa anche pensare all’altra persona e alle sue priorità prima che alle nostre.
È così, dai secoli dei secoli.

“Mi ha chiesto se era quello che volevo, io ho detto di sì, e allora lui si è tolto la pelle, per me”.

Il film inizia così e anche se inizialmente si viene sopraffatti dallo shock nel vedere questa figura al limite dell’horror, la storia in realtà è molto familiare e le difficili dinamiche di questa coppia innamorata sono molto umane.

Cogliendo la metafora si apre un mondo su quando è giusto e quando è invece sbagliato arrivare ad un compromesso per essere felici.

(foto: Web)
(foto: Web)

Un corto meraviglioso sia da un punto di vista narrativo che tecnico.
L’uomo senza pelle è creato tramite un lungo processo manuale ottenuto grazie ad una squadra di esperti di effetti visivi.
Il supervisore degli effetti speciali è Colin Arthur, lo stesso de “La Storia Infinita”.

Questa collaborazione è avvenuta a seguito della partecipazione di Ben Aston, il regista, ad un workshop tenuto da Arthur, a seguito del quale l’esperto ha accettato di aiutarlo, a condizione che i suoi studenti avessero potuto prendere parte alla lavorazione del corto.

Il costume è composto di centinaia di piccoli pezzi, per ottenere un effetto più realistico possibile, e ci sono volute 8 ore al giorno per truccare l’attore Sebastian Armesto.

Ogni cosa è stata realizzata a mano e questi aneddoti rendono ancora più affascinante il lavoro di Ben Aston. Da vedere!!!!