diredonna network
logo
Stai leggendo: Mezzo secondo il tempo che ci serve per riconoscere un bugiardo

La commessa definisce il suo anello "patetico": la risposta a questa domanda è magistrale

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Mezzo secondo il tempo che ci serve per riconoscere un bugiardo

Il nostro cervello è in grado di riconoscere una bugia in pochi secondi. Ecco un esperimento che ci spiega come siamo scientificamente portati a riconoscere la verità.
(foto:Web)

Riconoscere una bugia? Per il nostro cervello è più facile di quanto pensiamo. È poi il nostro cuore a deviare o nascondere l’evidenza.
Alcuni ricercatori dell’Università Bicocca di Milano in collaborazione con Cnr, l’Università di Parma e della California a San Diego hanno dimostrato come il nostro cervello riconosca immediatamente la non verità.

Secondo lo studio pubblicato sulla rivista specialistica Plos One, il cervello impiega solo 330 millisecondi per individuare una bugia.
Questo il risultato di una ricerca condotta su circa trenta studenti che hanno osservato 280 fotografie che ritraevano attori nell’interpretazione di stati d’animo diversi.
Gli studenti, mentre valutavano le fotografie, sono stati monitorati attraverso tomografia elettromagnetica a bassa risoluzione.
Gli scienziati hanno evidenziato come sono sufficienti pochi millisecondi perchè venga attivata l’attività cerebrale della corteccia orbito-frontale ventromediale, in grado di riconoscere una bugia.
Attraverso quest’area del cervello l’uomo confronta l’esperienza con ricordi e sensazioni provenienti dal passato.
In questo modo riesce a interpretare ciò che sta osservando e valutarlo nel modo corretto.
La distanza tra l’esperienza vissuta e quello che invece ci si attende in base ai ricordi viene interpretato come bugia.
Pochi secondi per capire qual è la verità.

Siamo davvero così scientificamente chiusi?!
Meno male che esiste ancora la fiducia nel prossimo.