diredonna network
logo
Stai leggendo: Guerriglia marketing per combattere la povertà

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Guerriglia marketing per combattere la povertà

A NY è partita una campagna di sensibilizzazione per attirare l'attenzione sui poveri e i senzatetto che sono costretti a vivere e mangiare in strada
Guerriglia marketing per combattere la povertà

“MANGIARE PER STRADA NON È DIVERTENTE”

E’ questo lo slogan della campagna  di informazione che si sta diffondendo, a colpi di gessetto, per le strade di N.Y.

Artisti, pubblicitari o semplici passanti prendono spunto dalla vita quotidiana e trasformano un sacchetto, un cestino o dell’immondizia in un messaggio volto ad attirare l’attenzione sulle condizioni di vita dei senzatetto o dei poveri della metropoli.

Una sorta di guerriglia marketing virale e spontanea.

Dalle strade di New York arrivano un sacco di immagini che vanno a creare un netto contrasto con lo sfondo patinato, luccicante  della “città che non dorme mai”.

Guerriglia marketing per combattere la povertà
Guerriglia marketing per combattere la povertà
Guerriglia marketing per combattere la povertà
Guerriglia marketing per combattere la povertà
Guerriglia marketing per combattere la povertà

Guerriglia marketing per combattere la povertà