diredonna network
logo
Stai leggendo: 17anni, parla 23 lingue. Una generazione ancora ricca di speranze

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

17anni, parla 23 lingue. Una generazione ancora ricca di speranze

17 anni conosce e parla 23 lingue.Un fenomeno iperpoliglotta, da Guiness dei Primati.
poliglotta

Ha soltanto 17 anni ma parla fluentemente ben 23 lingue. Timothy Doner è un ragazzo di N.Y. diventato famoso sul web grazie ai suoi virtuosismi linguistici pubblicati su Youtube. 

Italiano, francese, latino, greco antico, mandarino, tedesco, ebraico, giapponese, arabo, farsi, pashtu, hindi, ojibwe, swahili, indonesiano, il wolof del Gambia e tante altre ancora.

Alcune lingue sono state apprese a scuola, mentre altre, le ha apprese da autodidatta sul web. Tim si allena a perfezionare le lingue grazie ai suoi amici sparsi per il mondo e con i quali comunica attraverso Skype. Inoltre, a New York, dove vive, fare incontri con persone provenienti da ogni parte del mondo è decisamente semplice.

È possibile definire lo studente iperpoliglotta perchè conosce alla perfezione 6 lingue (e in tutto, contando quelle in fase di studio, 23) Mentre Tim studiava per il bar mitzvah ha imparato l’ebraico. Poi è rimasto affascinato dall’arabo, riuscendo a leggerlo in maniera corretta dopo soli 7 giorni. A ruota, tutte le altre lingue, che l’han trasformato in un ragazzo da Guiness dei Primati.

Gli scienziati stanno ancora tentando di spiegare il fenomeno degli iperpoliglotti. Una teoria, pubblicata tempo fa su Cerebral Cortex, ritiene che le abilità linguistiche di uno studente siano maggiori laddove vi sia un grande giro di Heschl, ovvero un’area nell’emisfero sinistro del cervello che raccoglie la corteccia uditiva preposta alla percezione dei suoni.