diredonna network
logo
Stai leggendo: 17anni, parla 23 lingue. Una generazione ancora ricca di speranze

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

17anni, parla 23 lingue. Una generazione ancora ricca di speranze

17 anni conosce e parla 23 lingue.Un fenomeno iperpoliglotta, da Guiness dei Primati.
poliglotta

Ha soltanto 17 anni ma parla fluentemente ben 23 lingue. Timothy Doner è un ragazzo di N.Y. diventato famoso sul web grazie ai suoi virtuosismi linguistici pubblicati su Youtube. 

Italiano, francese, latino, greco antico, mandarino, tedesco, ebraico, giapponese, arabo, farsi, pashtu, hindi, ojibwe, swahili, indonesiano, il wolof del Gambia e tante altre ancora.

Alcune lingue sono state apprese a scuola, mentre altre, le ha apprese da autodidatta sul web. Tim si allena a perfezionare le lingue grazie ai suoi amici sparsi per il mondo e con i quali comunica attraverso Skype. Inoltre, a New York, dove vive, fare incontri con persone provenienti da ogni parte del mondo è decisamente semplice.

È possibile definire lo studente iperpoliglotta perchè conosce alla perfezione 6 lingue (e in tutto, contando quelle in fase di studio, 23) Mentre Tim studiava per il bar mitzvah ha imparato l’ebraico. Poi è rimasto affascinato dall’arabo, riuscendo a leggerlo in maniera corretta dopo soli 7 giorni. A ruota, tutte le altre lingue, che l’han trasformato in un ragazzo da Guiness dei Primati.

Gli scienziati stanno ancora tentando di spiegare il fenomeno degli iperpoliglotti. Una teoria, pubblicata tempo fa su Cerebral Cortex, ritiene che le abilità linguistiche di uno studente siano maggiori laddove vi sia un grande giro di Heschl, ovvero un’area nell’emisfero sinistro del cervello che raccoglie la corteccia uditiva preposta alla percezione dei suoni.