diredonna network
logo
Stai leggendo: 17anni, parla 23 lingue. Una generazione ancora ricca di speranze

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

17anni, parla 23 lingue. Una generazione ancora ricca di speranze

17 anni conosce e parla 23 lingue.Un fenomeno iperpoliglotta, da Guiness dei Primati.
poliglotta

Ha soltanto 17 anni ma parla fluentemente ben 23 lingue. Timothy Doner è un ragazzo di N.Y. diventato famoso sul web grazie ai suoi virtuosismi linguistici pubblicati su Youtube. 

Italiano, francese, latino, greco antico, mandarino, tedesco, ebraico, giapponese, arabo, farsi, pashtu, hindi, ojibwe, swahili, indonesiano, il wolof del Gambia e tante altre ancora.

Alcune lingue sono state apprese a scuola, mentre altre, le ha apprese da autodidatta sul web. Tim si allena a perfezionare le lingue grazie ai suoi amici sparsi per il mondo e con i quali comunica attraverso Skype. Inoltre, a New York, dove vive, fare incontri con persone provenienti da ogni parte del mondo è decisamente semplice.

È possibile definire lo studente iperpoliglotta perchè conosce alla perfezione 6 lingue (e in tutto, contando quelle in fase di studio, 23) Mentre Tim studiava per il bar mitzvah ha imparato l’ebraico. Poi è rimasto affascinato dall’arabo, riuscendo a leggerlo in maniera corretta dopo soli 7 giorni. A ruota, tutte le altre lingue, che l’han trasformato in un ragazzo da Guiness dei Primati.

Gli scienziati stanno ancora tentando di spiegare il fenomeno degli iperpoliglotti. Una teoria, pubblicata tempo fa su Cerebral Cortex, ritiene che le abilità linguistiche di uno studente siano maggiori laddove vi sia un grande giro di Heschl, ovvero un’area nell’emisfero sinistro del cervello che raccoglie la corteccia uditiva preposta alla percezione dei suoni.