diredonna network
logo
Stai leggendo: Costa Concordia: il primo triste anniversario.

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Saldi estivi 2017: quando iniziano Regione per Regione e i must have della stagione!

Spose bambine: perché migliaia di minorenni si sposano ogni anno negli USA

Costa Concordia: il primo triste anniversario.

Cade in questi giorni, un triste anniversario, quello del naufragio della Costa Concordia: la vera e triste notizia, è in questo caso, il fatto che giustizia non è ancora stata fatta per tutti i morti ed i dispersi.
concordia-anniversario

Uno stupido errore umano, un’incomprensione tra i membri dell’equipaggio, o una semplice fatalità, qualunque sia stata la vera causa; la tragedia è ormai avvenuta. Ora a distanza di un anno, il relitto è ancora lì e le 32 vittime sono state ricordate con una messa ed un’azione simbolica: il riposizionamento in mare, dello scoglio che durante l’impatto fu strappato dalla Costa Concordia alle 21.45 di un anno fa.

Lo scoglio era rimasto conficcato nel fianco della nave per mesi, ed è stato riposizionato nel punto esatto dell’impatto, con una targhetta impressa a memoria di tutti coloro che hanno perso la vita, quella tragica notte. All’isola del Giglio, sono giunti in queste giornate di commemorazione, tutti i parenti delle vittime, autorità del mondo politico e parte dei tanti soccoritori che lavorarono senza sosta nel corso del salvataggio.

Assente invece, l’indagato numero uno del naufragio: il capitano Schettino, che si avvia al processo, e con tutta probabilità all’ormai prossimo licenziamento, che per poter essere attuato, implicherà l’applicazione della riforma Fornero. La rimozione del relitto, intanto slitta ancora, questa volta, la scadenza ultima, è prevista per il prossimo mese di settembre 2013.