diredonna network
logo
Stai leggendo: Costa Concordia: il primo triste anniversario.

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Costa Concordia: il primo triste anniversario.

Cade in questi giorni, un triste anniversario, quello del naufragio della Costa Concordia: la vera e triste notizia, è in questo caso, il fatto che giustizia non è ancora stata fatta per tutti i morti ed i dispersi.
concordia-anniversario

Uno stupido errore umano, un’incomprensione tra i membri dell’equipaggio, o una semplice fatalità, qualunque sia stata la vera causa; la tragedia è ormai avvenuta. Ora a distanza di un anno, il relitto è ancora lì e le 32 vittime sono state ricordate con una messa ed un’azione simbolica: il riposizionamento in mare, dello scoglio che durante l’impatto fu strappato dalla Costa Concordia alle 21.45 di un anno fa.

Lo scoglio era rimasto conficcato nel fianco della nave per mesi, ed è stato riposizionato nel punto esatto dell’impatto, con una targhetta impressa a memoria di tutti coloro che hanno perso la vita, quella tragica notte. All’isola del Giglio, sono giunti in queste giornate di commemorazione, tutti i parenti delle vittime, autorità del mondo politico e parte dei tanti soccoritori che lavorarono senza sosta nel corso del salvataggio.

Assente invece, l’indagato numero uno del naufragio: il capitano Schettino, che si avvia al processo, e con tutta probabilità all’ormai prossimo licenziamento, che per poter essere attuato, implicherà l’applicazione della riforma Fornero. La rimozione del relitto, intanto slitta ancora, questa volta, la scadenza ultima, è prevista per il prossimo mese di settembre 2013.