Le 5 cose dell'8 marzo che hanno frantumato il frantumabile

La Giornata Internazionale della Donna è purtroppo legata a molti luoghi comuni che ci fanno fare più passi indietro che avanti nella lotta alla parità di genere. Abbiamo pensato di sfatarli dal primo all'ultimo.

Next video

"Voglio una società per cui non valgo meno se non ho il pene o ho il ciclo"

Clear

La Giornata Internazionale della Donna è un giorno importante e ha una duplice valenza: ci ricorda le conquiste fatte nel corso dei secoli, ma è anche un monito per fare il punto su quanto ancora c’è da fare sul tema della parità di genere.

L’8 marzo è una giornata importantissima, ma è altrettanto importante non relegare riflessioni, iniziative e rivendicazioni in un giorno soltanto. Certo, è bello ricevere un rametto di mimosa (anche se a molte donne non piace!) o un piccolo dono, ma è altrettanto importante che alla mimosa si accompagni la volontà di un cambiamento reale. Dalle discriminazioni sul lavoro ai femminicidi, dagli stipendi più bassi alle violenze fisiche e psicologiche, la strada verso la parità di genere è ancora molto lunga, purtroppo. E un rametto di mimosa non riuscirà, da solo, a cancellare secoli di patriarcato.

“E la festa dell’uomo?” Cosa rispondere agli uomini che ogni 8 marzo si lamentano

Cominciamo a cambiare registro, a modificare il nostro linguaggio, a chiamare per nome aguzzini e assassini, e a fare in modo che non venga sempre e comunque colpevolizzata la vittima: “era ubriaca“, “vestita così cosa si aspettava?”, “l’ha provocato lei“. L’8 marzo va festeggiato a fatti, non solo a parole. E tutti devono impegnarsi, sia gli uomini che le donne: in fondo è un nostro diritto, ma anche un nostro dovere.

C’è ancora tanta strada da fare davanti a noi: siamo pronti a percorrerla tutte e tutti insieme?

La discussione continua nel gruppo privato!
  • Le 5 cose