Non è necessario avere il foro alle orecchie per indossare gioielli in questa parte del corpo: esistono infatti gli ear cuff, orecchini realizzati in modo da consentire l’applicazione senza dover bucare il lobo. Ne esistono di diverse tipologie, che si differenziano sia dal sistema per indossarli che dallo stile.

Le possibilità sono tante, così come i modelli disponibili in negozio e online; noi vi mostriamo 8 idee per portare gli ear cuff, dopo aver spiegato meglio cosa sono e come si indossano.

Ear cuff: cosa sono?

Il termine ear cuff significa, tradotto dall’inglese, “polsino per orecchie”: sono infatti gioielli che si avvolgono intorno alle parti dell’orecchio in modo che rimangano in posizione senza infilarli nei buchi alle orecchie.

Gli ear cuff sono simili agli orecchini classici e ai piercing che si pongono sulle diverse parti delle orecchie, come il piercing al trago o l’helix. Pare che questi gioielli fossero indossati fin dagli Antichi Egizi più di 2000 anni a.C., e nel corso della storia da diverse popolazioni abituate a decorare il viso, proprio per la loro grande eleganza e versatilità.

Chiunque infatti può indossare gli ear cuff, perché non deve necessariamente forare le orecchie. Pertanto, analogamente ad anelli e bracciali, basta scegliere quelli della misura corretta e che piacciono di più.

Esistono diverse tipologie di ear cuff, si possono infatti indossare nella parte della cartilagine, oppure in alto, nella zona dell’orecchia denominata “elice”, o helix all’inglese. Oppure ancora, possono sostituire gli orecchini veri e propri sul lobo, attaccandosi con una clip invece che con la bacchetta appuntita.

I modelli vanno dai più semplici e tradizionali a più complessi e originali. Ci sono infatti ear cuff che si appoggiano nella parte superiore dell’orecchio andando ad occuparla in tutta la sua ampiezza. Anche per quanto riguarda i materiali, non ci sono regole, tranne l’unica indicazione importante, ovvero che siano testati dermatologicamente, in modo da non rischiare reazioni da parte della pelle.

Come in qualsiasi caso, è comunque importante considerare eventuali allergie di cui si soffre. Al contrario degli orecchini con il buco, in questo caso non si creano ferite, di conseguenza risultano anche più sicuri.

Come si mettono gli ear cuff?

Si indossano senza forare l’orecchio, ma questa informazione non ci dice tutto ciò che c’è da sapere. Questi gioielli infatti sono realizzati in modi diversi, con sistemi di applicazione differenti. Generalmente, il metodo di chiusura è legato alla zona dell’orecchio per cui l’orecchino è pensato.

I più diffusi sono composti con un anellino da infilare partendo dall’alto nella cartilagine, e facendo scorrere fino all’altezza preferita, o dove rimane solidamente, senza scivolare. Non bisogna stringere o allargare l’ear cuff, perché si potrebbe rovinare. Se un ear cuff risulta troppo stretto o largo, è sbagliata la misura.

Come accennato precedentemente, esistono anche gli ear cuff con il meccanismo a clip, che permette di ovviare al problema di anellini che si muovono. La clip infatti stringe in maniera migliore e più sicura l’orecchino intorno alla cartilagine. Per applicare un ear cuff nella zona del trago, ovvero il pezzettino di cartilagine interno, bisogna infilarlo a partire dalla cartilagine sopra il lobo, per poi scivolare verso il trago.

Ci sono modelli più grandi, che non hanno un anellino per infilarli, ma sono semplicemente da appoggiare in una parte o nell’altra, in modo da ottenere l’effetto desiderato.

8 idee per sfoggiare gli ear cuff

Sono un accessorio elegante e particolare, che decora le orecchie in maniera raffinata o più bold, a seconda dei gusti. Gli orecchini per i buchi oggi sono sempre di più accompagnati dai loro fratelli senza bacchetta, in modo da non forare ulteriormente l’orecchio anche dove c’è cartilagine. Una scelta libera, che dà un pochino più di sicurezza e non è permanente come il buco. Anche chi ama i piercing può comunque trovare degli alleati temporanei e originali negli ear cuff.

Esistono infatti tanti modelli, da usare da soli oppure da abbinare a orecchini e piercing. Vediamo 8 idee per sfoggiare gli ear cuff.

1. Più classico

L’ear cuff per antonomasia è formato da un anellino che si fa scorrere nella parte dell’orecchio con la cartilagine. Questo è un esempio che si discosta dal classico anello d’oro o argento, ma presenta una linea più particolare e originale. Uno stile versatile e molto apprezzato.

2. Insieme agli orecchini

Gli ear cuff si possono indossare anche in abbinamento agli orecchini con i buchi; questo modello è realizzato appositamente per essere messo ai lati, circondando e accompagnando perfettamente un anello al buco del lobo.

3. Una decorazione per tutto l'orecchio

Se si vuole osare, questo ear cuff è l’ideale: un gioiello che decora tutto l’orecchio, si appoggia nella parte superiore e si stende, portando un tocco originale ed elegante.

4. Butterfly

Un’esplosione di simpatia, ma senza discostarsi dall’eleganza, questi ear cuff con le farfalline, da mettere nelle posizioni preferite. Ottime da sole, oppure in accompagnamento ad altri orecchini o ear cuff.

5. Eleganza

Molto bello ed elegante è anche questo modello, che circonda in maniera elegante il lobo, lasciando cadere una pioggia d’oro rosa e diamanti, come in questo caso, ma disponibile anche argento o oro giallo.

6. Un mix

Ottimo per qualsiasi occasione un mix di due o più ear cuff diversi da abbinare tra loro, a diverse altezze dell’orecchio.

7. Gioco di colori

Un’idea originale e divertente, questo modello con uno stile adatto alla bella stagione. In questo caso niente anellini, a parte quello scelto con il buco, ma l’ear cuff si appoggia semplicemente sull’orecchio. L’effetto è sicuramente molto interessante.

8. Un'alternativa divertente

Le forme e le idee con gli ear cuff sono tante, questa con la freccia è sicuramente una delle più simpatiche!

Articolo originale pubblicato il 25 Marzo 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!