Elisabetta II: 10 motivi per cui è la vera ribelle reale e il suo unico errore | Roba da Donne

Elisabetta II: 10 motivi per cui è la vera ribelle reale e il suo unico errore

Elisabetta II: 10 motivi per cui è la vera ribelle reale e il suo unico errore
Fonte: web
Foto 1 di 13
Ingrandisci

Il suo è il regno più lungo nella storia dei sovrani del Regno Unito, avendo superato, il 9 settembre 2015, il precedente record detenuto dalla sua trisavola Vittoria.

Incoronata il 2 giugno 1953, ma in carica dal febbraio del 1952, dopo la morte del padre Giorgio VI, Elisabetta II guida la Gran Bretagna da 68 anni, e, nel corso del tempo, ha visto accadere moltissime cose, sia nel suo paese, che nella sua famiglia. Eppure, pubblicamente, o meglio in diretta televisiva, ha parlato pochissime volte, l’ultima in occasione dell’emergenza Coronavirus scoppiata in tutto il mondo.

Il discorso della regina: cosa ha detto Elisabetta II in un discorso storico

Famosa per i cappellini bizzarri e l’amore per i colori pastello, apparentemente la sovrana può sembrare una donna tutta d’un pezzo e la mentalità di chi è nato in un’epoca diversa e ormai lontana, ma le cose, in realtà, non stanno proprio così: dietro l’aspetto austero e il rispetto della rigida etichetta di corte, infatti, Elisabetta nutre un animo a suo modo “sovversivo”, capace di adattarsi benissimo ai decenni e alle mode.

Insomma, una donna che, oltre a essere un’eccezionale regina – prese il comando quando l’Impero britannico si stava trasformando nel Commonwealth delle nazioni, affrontò la crisi delle isole Falkland e dovette destreggiarsi tra il divorzio del figlio Andrea da Sarah Ferguson e quello, chiacchieratissimo, di Carlo e Diana – si è anche dimostrata assolutamente forte, volitiva e intelligente, capace di capire che, per cambiare davvero le regole, occorre forse cambiarle dall’interno. Ecco allora l’apertura al matrimonio del nipote Harry con la non anglicana divorziata ex attrice Meghan Markle, ecco la rivoluzione nel pecking order, ecco persino lo sbarco sui social. Roba che è impensabile per molti dei nostri nonni, figuriamoci per la sovrana d’Inghilterra, classe 1926.

Il primo post Instagram della Regina Elisabetta

Nella sua vita, però, in tempi recenti Elisabetta ha dovuto affrontare anche la dolorosa scelta di “liberare” il nipote Harry e la moglie Meghan Markle dagli impegni ufficiali, togliendo loro anche il titolo di Royal, seguendo le volontà della coppia che aveva espressamente chiesto di rinunciare al titolo di reali senior.

L’unica pecca, nella vita e nel regno di Elisabetta, è forse proprio il modo in cui ha gestito la questione di Diana: prima lasciando che il marito Filippo spingesse Carlo al matrimonio con Lady Spencer, anche per allontanarlo da Camilla, già sposata, poi cercando di stare vicino a quella Lady D. così estranea e depressa dalla vita di corte, infine mostrando un distacco che ai sudditi non piacque dopo la morte di quest’ultima, nel tunnel dell’Alma, a Parigi.

All’epoca, la regina inizialmente non capì il motivo delle critiche, considerando ormai Diana un’estranea (la separazione da Carlo era avvenuta nel 1995, due anni prima della morte), nonché una donna che aveva denigrato l’intera famiglia Windsor, sia nelle biografie che nelle interviste.

Non passò però molto tempo prima che Elisabetta comprendesse l’errore che stava commettendo, e tornò in fretta a Londra per pronunciare il famoso discorso televisivo con il quale rendeva omaggio alla memoria di Diana, come sovrana e come nonna dei suoi figli.

A suo modo, Elisabetta tentò di “riparare” a quanto fatto nei confronti di Lady D. rifiutando per lungo tempo di riconoscere Camilla come compagna del figlio Carlo, accettandone la presenza solo nel 2005, in occasione delle loro nozze.

Del resto, Elisabetta stesse sa benissimo cosa significhi lottare per un amore a dispetto delle opposizioni, dato che lei stessa sposò Filippo quando nessuno, nella famiglia reale, lo considerava “all’altezza” della futura sovrana d’Inghilterra.

Insomma, nella vita di questa regina incredibile che ha guidato un paese attraverso più di sessant’anni di storia senza mai perdere la sua composta eleganza, c’è in realtà spazio anche per l’apertura alle novità, cosa che la può definire una donna assolutamente moderna, a dispetto dei 93 anni. Ricordiamo anche l’arrivo alle Olimpiadi del 2012 nientemeno che con James Bond!

Sfogliate la gallery per scoprire i 10 motivi per cui Elisabetta è la vera ribelle reale.

Articolo originale pubblicato il 19 Aprile 2019

  • Storie di Donne