diredonna network
logo
Stai leggendo: Oversize, Cellulite E Smagliature: Ecco I Requisiti Delle Nuove Modelle

Trench: storia di un capo senza tempo!

Calzedonia Costumi 2017: tutte le novità della nuova collezione estiva!

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Orecchini uncinetto: l'accessorio glamour per ogni occasione!

Pronovias 2017, abiti da sposa da sogno: scoprite con noi l'ultima collezione!

Microdermal: il piercing punto luce per farsi notare!

Collezioni San Valentino 2017: le proposte di Intimissimi e Calzedonia

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Oversize, Cellulite E Smagliature: Ecco I Requisiti Delle Nuove Modelle

La rivoluzione parte, come spesso accade, dalla Grande Mela. Sfilano a New York infatti donne normali, con cellulite e smagliature. Le taglie over accanto alle small per essere donne sempre, con qualsiasi forma.
(foto: Web)

Quello di cui si è sempre parlato ma nell’effettivo mai messo in pratica è finalmente successo.

Durante una delle Fashion Week più all’avanguardia, quella della Grande Mela appunto, la designer emergente Becca McCharen ha fatto indossare i suoi particolarissimi abiti a forma di gabbia, decisamente improponibili come prêt-à-porter, a delle donne vere.

Curvy, oversize, con la cellulite e le smagliature.

(foto: Web)

Donne che nella vita non fanno le modelle e delle modelle non hanno il portamento, la taglia, il corpo perfetto.

La stilista non ha però voluto emarginare nemmeno le donne magre e in passerella hanno quindi sfilato poi tutte insieme, quelle con i rotolini, e quelle dall’addominale perfetto.

Perchè le Donne sono belle proprio perchè tali.

Non importa quanto siano alte, se hanno i fianchi larghi o la vita troppo stretta.

La ghettizzazione non deve avvenire in entrambe le parti.

Il vecchio canone della modella perfetta, quella Top degli anni ’90, da Naomi ad Eva, viene pian piano distrutto.

Non a caso la Fashion Week New Yorkese è sicuramente una delle più all’avanguardia.

Molti giovani designer hanno la possibilità di farsi conoscere, mentre invece in Italia vengono ancora considerati di serie B, preferendo sempre i classici intramontabili che dettano moda da ormai decenni.

Che dall’America arrivi finalmente la tanto sperata rivoluzione estetico-sociale?!