diredonna network
logo
Stai leggendo: Oversize, Cellulite E Smagliature: Ecco I Requisiti Delle Nuove Modelle

Per la serie orrori fashion: arrivano i Clear Knee Mom Jeans

Yamamay Sempre Perfetta 2017: capi, colori e novità. Scopritele con noi!

Questa campagna Zara ha fatto infuriare molte persone

Costumi Yamamay 2017: ecco un'anteprima della Summer Collection!

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

Oversize, Cellulite E Smagliature: Ecco I Requisiti Delle Nuove Modelle

La rivoluzione parte, come spesso accade, dalla Grande Mela. Sfilano a New York infatti donne normali, con cellulite e smagliature. Le taglie over accanto alle small per essere donne sempre, con qualsiasi forma.
(foto: Web)

Quello di cui si è sempre parlato ma nell’effettivo mai messo in pratica è finalmente successo.

Durante una delle Fashion Week più all’avanguardia, quella della Grande Mela appunto, la designer emergente Becca McCharen ha fatto indossare i suoi particolarissimi abiti a forma di gabbia, decisamente improponibili come prêt-à-porter, a delle donne vere.

Curvy, oversize, con la cellulite e le smagliature.

(foto: Web)

Donne che nella vita non fanno le modelle e delle modelle non hanno il portamento, la taglia, il corpo perfetto.

La stilista non ha però voluto emarginare nemmeno le donne magre e in passerella hanno quindi sfilato poi tutte insieme, quelle con i rotolini, e quelle dall’addominale perfetto.

Perchè le Donne sono belle proprio perchè tali.

Non importa quanto siano alte, se hanno i fianchi larghi o la vita troppo stretta.

La ghettizzazione non deve avvenire in entrambe le parti.

Il vecchio canone della modella perfetta, quella Top degli anni ’90, da Naomi ad Eva, viene pian piano distrutto.

Non a caso la Fashion Week New Yorkese è sicuramente una delle più all’avanguardia.

Molti giovani designer hanno la possibilità di farsi conoscere, mentre invece in Italia vengono ancora considerati di serie B, preferendo sempre i classici intramontabili che dettano moda da ormai decenni.

Che dall’America arrivi finalmente la tanto sperata rivoluzione estetico-sociale?!