diredonna network
logo
Stai leggendo: Una vita trascorsa senza uscire di casa: il fenomeno Hikikomori.

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Donne senza figli: “Non sei mamma, non puoi capire" e quelle frasi di chi ha figli a chi non ne vuole

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Una vita trascorsa senza uscire di casa: il fenomeno Hikikomori.

Un fenomeno in origine, del tutto giapponese, ma che si sta sviluppando anche in Italia. Hanno tra i 14 ed i 30 anni, e trascorrono parecchi anni della loro vita reclusi in casa.
Una vita trascorsa senza uscire di casa: il fenomeno Hikikomori.

Un fenomeno strano ed inquietante, giovani di età compresa tra i 14 ed i 30 anni che decidono di tagliare i ponti con il mondo esterno, e si rinchiudono in casa per giorni, mesi persino anni. Al momento, è una realtà quasi tutta giapponese: giovani, (maschi perlopiù) che decidono di rinchiudersi in casa per anni, di isolarsi da tutto e tutti, e nei casi più gravi persino dai loro genitori.

Dato il loro comportamento, sono stati definiti “Hikikomori” che significa “isolarsi, restare soli, stare in disparte”. Le cause scatenanti di tale ” clausura volontaria” sono diversi, uno di questi è la dipendenza da internet, la seconda ( in ordine di importanza) l’abbandono delle scuole superiori che in Giappone risultano essere particolarmente severe; infine altra causa è il tentativo dei genitori di dare la possibilità ai figli di essere protetti da un fenomeno dilagante il bullismo.

Nei casi più gravi, la reclusione è giunta a sfiorare persino i 10 anni.

Secondo una ricerca del 2010, promossa dal Ministero della Sanità Giapponese, sarebbero circa 700.000. L’aspetto ancora più preoccupante è che si sono riscontrati anche casi similari in altri paesi, tra cui:  Australia, Bangladesh, India, Iran, Corea, Taiwan, USA, Thailandia, Spagna e persino nel nostro paese.