diredonna network
logo
Stai leggendo: Come ti batto la crisi: Esselunga assume 2000 persone. Ecco come candidarsi

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Come ti batto la crisi: Esselunga assume 2000 persone. Ecco come candidarsi

Esselunga presenta i risultati 2013: e promette duemila posti di lavoro entro il 2015
Come ti batto la crisi

C’è chi usa la parola “crisi” per giustificare una mancata assunzione o un licenziamento. E chi non si fa scoraggiare dal periodo economico difficile ma rilancia e alza la posta in palio con un piano di sviluppo e aggiornamento. È Il caso del gruppo Esselunga, leader della grande distribuzione, che ha presentato i dati dell’anno appena concluso. E i risultati sono davvero consolanti.

Le vendite hanno superato i 6,9 miliardi di euro, con una crescita dell’1,7% rispetto al 2012. In aumento anche l’organico, che si attesta a 20.605 persone con un incremento di oltre 400 unità. Ma il dato più notevole, e che interessa da vicino anche i tanti giovani alla ricerca di un posto di lavoro, è che nel biennio 2014 – 2015 Esselunga prevede l’assunzione di circa 2.000 persone. Tutte le informazioni sui posti di lavoro disponibili sono aggiornate in tempo pressoché reale sul sito http://www.esselungajob.it/content/lavoraconnoi/homepage.html, dai cui è anche possibile sia rispondere alle offerte già presenti che inviare una propria autocandidatura.

Un’inversione di tendenza forte quella di Esselunga: nel 2013 il numero di disoccupati nel mondo è aumentato di 5 milioni di persone, secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (Oil). Questo dato evidenzia come l’economia globale, anche se in ripresa, fatichi a carburare e a generare opportunità di lavoro.  Ma il bell’esempio della nostra imprenditoria italiana, sicuramente da imitare, dimostra che investire, anche in un momento difficile, porta sicuramente a benefici che vanno oltre l’utile economico e che hanno ripercussioni anche nella società.

C’è solo da sperare che l’esempio di Esselunga sia imitato anche da altre imprese italiane: e che l’aumento dei posti di lavoro anche in altri settori sia una realtà e non solo una promessa nell’ennesima campagna elettorale di qualche politico.