diredonna network
logo
Stai leggendo: I ritardatari sono più efficienti al lavoro e più ottimisti

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

Arabia Saudita: "Le donne non possono guidare perché hanno un quarto di cervello"

Autocontrollo, quando troppo fa perdere il controllo e quando coltivarlo

Perché le coppie che guardano serie tv sono le più felici

Gloria, uccisa di botte a 23 anni dai parenti che la costringevano a prostituirsi

Gomma crepla: cos'è e come si usa

"Sex by surprise", subire violenza durante un rapporto sessuale consenziente

La lettera d'amore di Alain Delon al suo grande amore quando morì

Romy Schneider, il destino crudele dell'attrice che interpretò la principessa Sissi

I ritardatari sono più efficienti al lavoro e più ottimisti

Sei perennemente in lotta con il tempo?!Inseriscilo nel curriculum: i ritardatari sono più efficienti sul lavoro.
(foto:Web)
(foto:Web)

I ritardatari sono più intelligenti dei puntuali, questo ciò che si può confermare analizzando il risultato di uno studio a riguardo.
A confermare nuovamente la teoria che i ritardatari sono più ottimisti, la ricerca del dott. Salvatore di Salvo, psichiatra e presidente dell’Associazione per la ricerca sulla depressione di Torino.
I ritardatari hanno un temperamento più calmo e soprattutto più equilibrato, due qualità che li porta ad essere anche più efficienti sul lavoro rispetto a coloro che nella vita sono sempre in orario (se non addirittura in anticipo).

“Chi nasce con un temperamento ansioso – spiega di Dottor Di Salvo – è preoccupato, ha spesso paura di non farcela e, quindi, a un appuntamento cerca di arrivare sempre qualche minuto prima”.

Il ritardatario invece, essendo molto più ottimista, si preoccupa poco di essere perfetto e la sua tranquillità si trasforma in rilassatezza ed efficienza.