diredonna network
logo
Stai leggendo: C’era una volta Maya (e il raffreddore)

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

C'era una volta Maya (e il raffreddore)

Maya è una ragazza come tante e come molte delle ragazze, in questo periodo dell'anno si è beccata il raffreddore.
disney.wikia.com
disney.wikia.com

Maya è una ragazza molto aggraziata.

Ama truccarsi con un sottile velo di correttore, mascara ed un po’ di cipria ma una delle tante mattine  in cui era intenta a farsi bella… ETCIU’! Un sonoro starnuto fa capolino poco dopo aver finito di applicare sapientemente il mascara.

Il disastro. Maya si guarda allo specchio con aria minacciosa ed impreca, si aggiusta le sbavature varie e…e…etciù!
Un altro starnuto.
Maya si guarda nuovamente allo specchio con aria affranta.
Si accorge che i suoi occhioni color caffè oltre ad essere contornati da un alone di mascara spiaccicato, sono lucidi e appaiono stanchi.

E’ pallida, comincia a pizzicarle la gola e cercando di sospirare, si accorge di avere le narici completamente tappate. Portandosi una mano alla testa pronuncia il lamento classico del raffreddato con un sonoro e nasale “babba bia” .

Il calvario ha inizio. Passa la giornata sui libri tra uno starnuto, interi rotoli di carta igienica al suo fianco per evitare di screpolare troppo il naso ed un cerchio alla testa indescrivibile.

-Stupido raffreddore- esclama tra un attacco di starnuti e l’altro.
Una volta, durante un periodo di forte influenzamento, Albin, la madre, aveva provato a farle ingurgitare di tutto:  dall’aceto di mele caldo al latte e miele bollente sino ad una fetta di pane con su triturati aglio, cipolla e peperoncini.

“Le riviste dicono che funzioni” affermava la madre propinando improbabili brodaglie alla figlia febbricitante.
Ma queste erano tutte cose che dopo il primo sorso o il primo morso avevano provocato in Maya oltre che i malanni legati al raffreddore, anche un giramento di stomaco con i fiocchi. Da allora aveva deciso che Albin in questi casi, non poteva esserle utile.

Così dopo aver studiato un’intera mattinata e aver mangiato un piatto di pastina brodosa con 200 grammi di formaggio grattugiato, si accascia sul letto e cade in un sonno profondo interrotto  solo nel tardo pomeriggio con l’abbaiare di Joey, la sua amata cagnolina, che annuncia l’arrivo di Davide, il suo amore. L’unico in grado di farla sentire meglio con un abbraccio ed una confezione con dolcetti assortiti!
Ah l’amourrrrr….