L'aborto secondo Annie Ernaux

Il racconto di Annie Ernaux nel libro "L'evento" diventa diventa la cronistoria di una ferita collettiva che ha toccato migliaia di donne.

Next video

Le cose da non dire mai a una persona bisessuale

Clear

L’evento” di Annie Ernaux è un libro molto intenso. Racconta della clandestinità con cui l’autrice interruppe una gravidanza indesiderata nella Francia del 1963.

Un periodo storico di grande trasformazione in cui, però, l’aborto è ancora illegale. L’autrice dedica la sua vita alla scrittura e racconta la storia di una ragazza che cerca disperatamente di abortire senza, però, che il mondo le dia questo diritto. Il racconto del singolo diventa la cronistoria di una ferita collettiva che ha toccato migliaia di donne.

A San Marino l'aborto non è più un reato. La svolta storica dopo 156 anni

«Che la clandestinità di chi ha vissuto quest’esperienza dell’aborto appartenga al passato non mi sembra un motivo valido per lasciarla sepolta. Tanto più che il paradosso di una legge giusta è quello di obbligare a tacere le vittime di un tempo con la scusa che “le cose sono cambiate”. »

Annie Ernaux non sta in silenzio e, anzi, con questo libro pubblicato nel 2019, ne fa un racconto intimo ma allo stesso collettivo in cui la scrittura – fine ed esistenziale – si mescola con la storia e, purtroppo, l’attualità. Si tratta infatti di un testo molto più attuale di quanto si possa pensare. L’aborto è e deve restare un diritto.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!