*** Aggiornamento del 1° settembre 2021 ***

Mentre la figlia Deva appare ormai lanciata nel mondo della moda, la mamma, Monica Bellucci, la guarda da lontano, con lo sguardo orgoglioso e attento di chi sa di aver fatto un ottimo lavoro, ma di avere ancora molto da fare.

Le figlie delle star brillano di luce propria alla sfilata di Dolce&Gabbana

La diva che ha scelto la Francia come seconda casa prosegue intanto la sua carriera, a cui nel 2021 si aggiungeranno altri due film, The Girl in the Fountain e Les Fantasmes, e trova anche il tempo di ribadire quanto bello e speciale sia accettare l’età che avanza, come confessato in una recente intervista a Repubblica.

A differenza delle generazioni passate, alla mia età posso esistere come donna, esprimere la mia femminilità in tutta la sua pienezza senza rinunciare al lavoro e ai miei impegni – dice – Mordo la vita che è piena, pienissima e non mi resta il tempo per fermarmi a pensare agli anni che passano. Devo ancora aiutare le figlie a diventare adulte.

Ama le sue rughe, come sempre detto, perché l’hanno aiutata a cambiare nel suo lavoro, smettendo i panni della “semplice” bella, per indossarne di nuovi.

Sopporto ancora le mie rughe ma non condanno i ritocchi estetici se sono ben fatti e ti fanno sentire meglio. È una scelta molto personale e oggi ci sono tante gradazioni possibili. […] L’esperienza acquisita e una fisicità diversa mi consentono di vestire i panni di personaggi che prima non mi avrebbero mai proposto.

Oggi anche le attrici che non hanno più la freschezza della giovinezza possono accedere a ruoli prima impensabili e la carriera prosegue anche ben oltre i cinquant’anni. È lo sguardo degli altri e quello che portiamo su noi stesse a essere cambiato: siamo più indipendenti e abbiamo qualcosa da dire anche al di fuori dall’ambiente domestico. Ma questo avviene con molta lentezza anche se ci sono già piccole aperture. E lascia morti e feriti sul campo.

*** Articolo originale ***

È una delle sex symbol indiscusse del cinema mondiale dell’ultimo ventennio, e ancora oggi, alla soglia dei cinquant’anni abbondantemente superata, Monica Bellucci continua a far girare la testa a milioni di uomini, a essere ammirata da altrettante donne e ricercata dai più prestigiosi brand di moda e di estetica, pronti a tutto per accaparrarsi il suo volto magnetico e il suo corpo, espressione piena e conturbante della meravigliosa bellezza mediterranea.

Ha superato un divorzio, quello da Vincent Cassel, padre delle sue bimbe, con eleganza e signorilità (hanno calcato di nuovo il red carpet del Festival di Venezia insieme nel 2019, per presentare la versione restaurata di Irreversible, il film che li ha fatti incontrare), senza mai darsi in pasto al gossip o mostrare la volontà di portare avanti guerre e battaglie pubbliche nei confronti dell’ex marito. Ha avuto un amore più giovane, che è già passato, e, nonostante sia una beniamina di Francia ormai da anni, Monica non ha mai dimenticato il legame con la sua Umbria e, più in generale, con il suo paese, tanto da scegliere di dare i natali a Deva e Léonie proprio a Roma.

Se solo all'uomo sono concesse partner più giovani: il paradigma Bellucci-Cassel

Monica Bellucci non ha paura di invecchiare, e rientra in quella schiera di donne che, sarà perché la fortuna le ha geneticamente baciate ed è stata particolarmente benevola, accetta serenamente lo scorrere del tempo, rifiutando recisamente l’idea del ricorso al bisturi e abbracciando consapevolmente l’idea della menopausa e del corpo che cambia.

Come da lei stessa affermato nel corso di un’intervista rilasciata nel maggio 2018 a Vanity Fair, in cui ha detto chiaramente che il maturare è un arricchimento personale, sotto ogni punto di vista.

 L’invecchiamento del corpo è proporzionale al ringiovanimento dell’anima. Bisogna vederlo come un’evoluzione. Con l’età si dà più valore alle cose, si dà più valore al rapporto con lo specchio, non ci si guarda più ogni due minuti. Questo fa di noi delle persone migliori, perché la scala di valori muta. Se una donna a 50 anni si veste come una di vent’anni c’è un problema che nessuna crema potrà mai risolvere. Bisogna imparare che anche se passa il tempo non si diventa più vecchie e neanche meno sexy.

"Il mio nome è Gwyneth Paltrow, ho 46 anni e sono in perimenopausa"

Facile, verrebbe da dire, per lei che vanta un corpo e un viso da urlo; eppure, Monica non è ossessionata dalla bellezza a tutti i costi e, come detto, accetta consapevolmente l’idea di un aspetto che cambia, ma non necessariamente “peggiora”.

Il tempo trasforma fisicamente, è vero, ma puoi tirare fuori altre cose al di là di quello che rappresenta il corpo, dipende da come ti vedi. Se devo dare una spiegazione dell’evoluzione del mio percorso è un misto tra quello che ho desiderato e la fortuna di quello che mi è arrivato. Oggi ho la consapevolezza che la bellezza che si modifica è un regalo, perché ci sono ancora.

Per questo, l’attrice di Città di Castello ha qualcosa da dire ha chi ha imposto una sorta di stigma sociale alle donne che raggiungono la menopausa, precipitandole nella sensazione di essere “meno donne” o di valere meno rispetto a prima.

Ci hanno tirato su facendoci pensare che siamo collegate, forse troppo, alle nostre ovaie. Ci hanno detto che nel momento in cui non procreiamo più è come essere morte, ci hanno detto che la menopausa è una malattia grave, ma invece è la libertà assoluta perché non siamo più schiave degli ormoni. Viviamo la sessualità con maggiore controllo. Non abbiamo più l’impulso ormonale che dirige, siamo noi a dirigere, e questo fa la differenza. C’è un momento di sbandamento, poi il corpo si mette a posto da solo, non succede niente di grave, va tutto bene, anzi tutto meglio. La creatività si sposta su altre cose e anche il cervello va su nuovi orizzonti. È in quel momento che diventiamo pericolose!

Helen Mirren: "Non sposatevi presto" e "Amate le vostre rughe"

Con modi garbati e mai urlati, Monica porta avanti una battaglia da femminista di nuova generazione, dove ogni donna deve prendere consapevolezza del proprio essere e ribellarsi a quanto la società, vittima di retaggi culturali difficili da estinguere, si aspetta da loro.

Alle donne si chiede troppo: essere madri, lavoratrici, badanti e non c’è un’organizzazione sociale giusta per supportarle. Le donne sono stanche fisicamente. Per poter essere madri al meglio hanno bisogno di tempo, perché devono allattare, prendersi cura dei piccoli. Se vogliamo avere dei figli in una società sana, quando le donne decidono di dedicarsi solo all’essere madri dovrebbero essere pagate, avere una mensilità, perché quello che fanno è un lavoro sociale, è il lavoro più importante, invece dopo tre mesi ancora oggi molte donne interrompono l’allattamento per tornare a lavorare.

Anche e soprattutto per poter fornire loro gli strumenti per imparare a riconoscere il proprio valore di donne, Monica dice di insegnare alle sue figlie a “sentirsi belle”.

 Sono stata in mezzo alle donne più belle del mondo e sentivo che a volte non riuscivano a esprimere la loro bellezza al massimo. Bastava dire la cosa sbagliata ed emergeva una fragilità tremenda come se nessuno glielo avesse mai detto che erano belle, come se non sapessero di esserlo. Ritrovare questo filo conduttore interno che indipendentemente da quello che pensano gli altri aiuta a sentirsi in equilibrio è fondamentale. La conoscenza di se stessi, a prescindere da quello che dicono gli altri e l’accettare la vita e il corpo che cambiano, permettono di aprirsi ad altre cose che arrivano, a volte anche più belle di quelle che si hanno già.

Su se stessa, invece, che idea ha la Monica Bellucci cinquantaseienne, ancora oggi icona mondiale del cinema?

Voglio vivere tanto, almeno fino a che le mie figlie avranno bisogno di me, il mio obiettivo è diventare una vecchia signora e voglio arrivarci al meglio, anche con le rughe. Bisogna smettere di dire che le rughe sono brutte. Le rughe sono belle. Anna Magnani diceva ‘ci ho messo tanto per averle’ e sono d’accordo con lei. Sono le nostre cicatrici interne, ci danno la prova che abbiamo superato momenti difficili.

Monica Bellucci: "Alla mia età mordo la vita, non penso agli anni che passano"
Fonte: web
Foto 1 di 10
Ingrandisci

Articolo originale pubblicato il 28 Settembre 2018