Moda anni '50: dalle pin-up alle icone del dopoguerra - Roba da Donne

La moda anni '50: dalle pin up alle icone del dopoguerra

La moda anni '50 fu tutta un successo. Non c’erano più le restrizioni attuate nel periodo bellico: ora il tessuto si usava a volontà e spesso tutto il look era volutamente coordinato con dettagli e accessori in tinta (come gioielli, occhiali da sole e trucco), creando così l'immagine e l'ideale di donna sofisticata e raffinata. Nella gallery abbiamo selezionato per voi alcuni outfit a cui potrete ispirarvi, così come il make-up tipico di quegli anni e le acconciature più in voga.

Gli anni ‘50 sono stati un decennio cruciale: terminato il secondo conflitto mondiale, quegli anni furono protagonisti e portavoce di un vero e proprio periodo di rinascita. La fine della lunga guerra e i primi accenni ai movimenti per portare l’attenzione sull’emancipazione femminile hanno permesso a stilisti e couturier dell’epoca di osare e dare sfogo ad una nuova ritrovata creatività.

Dal fascino indimenticabile delle pin up passando per le gonne a ruota, la fantasia a pois e il neo disegnato con la matita sulla guancia, la moda anni ’50 ha decisamente contribuito a rivoluzionare in maniera indelebile lo stile e l’immaginario delle persone, stravolgendo completamente la figura femminile, sia nell’abbigliamento che per il suo ruolo nella società.

Moda anni ’50: come ci si vestiva nel dopoguerra?

Gli anni ’50 vengono ricordati nella storia (non solo quella della moda) come il decennio dei consumi, del rock ‘n’ roll e dei jeans, delle t-shirt e dei pattern a pois. La moda di questi anni punta alla celebrazione di un periodo di rinascita: l’abbigliamento austero e rigido viene lasciato in disparte a favore di look bon ton e ispirati all’allora emergenti e sensualissime pin up.

Ora sono la televisione e il cinema americano a dettare moda e a influenzare gli usi, i costumi e in consumi di tutti. La moda arriva dal basso tanto che i giovani riescono a creare e affermare un’identità indipendente, andando così ad influenzare i dettami delle case di moda di quegli anni.

La giacca di pelle, ad esempio, diventa un must have irrinunciabile nelle linee da uomo ma a fare fortuna sono anche i jeans, unisex e indossati da tutti nei modi più disparati.

L’anno cruciale è il 1947. Nel febbraio di quell’anno emerge la silhouette a clessidra, dove il punto vita sottolineatissimo resterà in voga per tutto il decennio. Ad inventarla e proporla nel suo aterlier di Parigi è Christian Dior: in una città che sente ancora il peso della guerra, al couturier basta una sola collezione per spazzare via il grigiume nell’umore delle donne, e il successo di questo nuovo look è immediato.

Dopo anni di guerra, di economie traballanti e di fatica, il mondo femminile freme dalla voglia di riscoprirsi frivolo e sensuale. E i modelli di Dior, grazie anche al supporto di un ingegnoso sistema di licenze, si diffondono rapidamente in tutto il mondo. Intanto, su quest’onda del nuovo benessere cavalca l’onda anche l’industria tessile che in questi anni si sviluppa notevolmente.

Si presentano sul mercato nuovi tessuti sintetici e nuove tinture che consentono di ottenere tonalità sgargianti e vivaci, impensabili da ottenere fino a quel momento. In quegli stessi anni prende forma anche l’editoria di moda proprio come la conosciamo oggi: le modelle non posano più negli atelier e, uscendo, cominciano a raccontare storie attorno agli abiti.

Le fashion editor di quest’epoca (come l’indimenticabile Diana Vreeland) lavorano con quelli che passeranno alla storia come fotografi leggendari, per creare immagini e fotografie che non smettono mai di esercitare il loro fascino senza tempo.

Marilyn Monroe: le ultime 24 ore di una donna infelice

Il fascino delle pin up

To pin up significa “appendere”: le foto che ritraevano queste giovani donne con sguardi maliziosi e sensuali venivano appese sulle pareti dai soldati al fronte già durante il corso della prima guerra mondiale. Queste immagini nascono come veri e propri poster motivazionali per convincere i giovani americani ad arruolarsi nell’esercito e mantenere alto il loro morale mentre erano lontani da casa.

L’aspetto delle pin up è sbarazzino e frivolo, ma al tempo stesso seducente e super sensuale. Il corpo sottolinea la figura a clessidra, caratterizzata da un seno prosperoso per poi stringersi in vita, sottolineando la figura grazie a bustini e abiti, per poi riallargarsi.

Le curve sono il vero punto di forza: gli shorts in jeans venivano indossati abbinati a leggere camice legate in vita, oppure gli abiti dalla lunghezza midi evidenziavano il punto vita quasi all’estremo, spesso dotati di allacciatura al collo per mostrare poi la profonda scollatura sul davanti.

90-60-90: dalle pin-up a oggi. Chi ha preso le misure ai corpi delle donne?

Il pattern preferito dalle pin up? Sicuramente il tinta unita nei suoi colori più vivaci e sgargianti, a cui si affiancano i più classici pois. Per quanto riguarda l’hairstyle, invece, l’accessorio preferito per acconciare i capelli è la bandana: stretta con un nodo centrale e ben visibile oppure posizionata a fascia.

Il make-up? Punta tutto sullo sguardo: la linea più o meno spessa di eye-liner completa il rosso di diverse sfumature sulle labbra.

I capi indispensabili per un outfit anni ’50

Femminilità è la parola d’ordine del decennio, dove i colori pastello e stampe floreali o a pois conquistano la scena. Nella silhouette a clessidra, il punto vita è il protagonista indiscusso di questo periodo.

  • L’abito “ricco” è un pezzo iconico di questa decade. Nella moda anni ’50, infatti, gli abiti da sera tornano ad essere sfarzosi ed esagerati e si ispirano ai modelli dell’ottocento. Accanto a questi si sviluppa anche una versione più pratica e portabile: si tratta dell’abito da cocktail, composto da una lunghezza da giorno a cui si accostano materiali preziosi e decorazioni importanti;
  • Il look coordinato è un must assoluto del decennio: merito del nuovo benessere, per cui si moltiplicano i capi nel guardaroba e le occasioni d’uso. Tra gli accessori da abbinare agli outfit ritroviamo la bandana o il foulard, gli occhiali da sole stile cat-eye e i guanti;
Accessori moda anni '50 Yansion

Accessori moda anni '50 Yansion

Gli accessori per completare un look anni '50
Gli anni '50 sono passati alla storia come il decennio del benessere, delle sensualissime pin up e dei pois. Yansion, nel suo pacchetto Vintage anni '50 raccoglie tutti gli accessori più in voga di quegli anni: dalla bandana alla sciarpa, entrambe da indossare sia sul collo che come fascia per capelli, agli occhiali da sole cat-eye a cui si abbinano un paio di orecchini a cerchio e gli immancabili guantini.
16 € su Amazon
Pro
  • Il pacchetto contiene una fascia per capelli, una sciarpa, un paio di occhiali da sole, un paio di guanti e degli orecchini a cerchio
  • Pacchetto ideale per chi ha voglia di dare un tocco anni '50 al look di tutti i giorni o è alla ricerca di alcuni accessori per completare l'outfit di una festa a tema!
Contro
  • Tutti i prodotti sono taglia unica
  • Le famosissime gonne della moda anni ’50 sono a ruota, amplissime, oppure a matita, mentre i pantaloni rimangono una scelta meno popolare da sfoggiare durante il tempo libero. Le proporzioni subiscono un cambiamento drastico: in questi anni il modello preferito è a sigaretta, con la vita alta e una lunghezza ridotta, che lascia scoperta la caviglia;
  • Da non dimenticare è inoltre il ruolo della biancheria intima, fondamentale per ottenere un look moda anni ’50. In questo decennio torna di moda il bustino, ora realizzato in nylon e figura sotto il nome di “guêpiere”. In alternativa gli stringivita sono popolari per ottenere e ricreare la più diffusa silhouette a clessidra. I reggiseni hanno la caratteristica forma “a punta” (ottenuta grazie ad alcune piccole imbottite o cuciture) per regalare al seno un profilo audace. E per sostenere le ampie gonne a corolla nascono le sottogonne, versioni contemporanee della tipica crinolina dell’ottocento;
  • I bikini e i costumi interi mettono in risalto tutta la figura femminile: il pezzo superiore viene notevolmente imbottito, anche per sostenere il seno abbondante, mentre la parte inferiore oscilla tra pantaloncini o slip a vita alta (molto alta).
Bikini moda anni '50 FeelinGirl

Bikini moda anni '50 FeelinGirl

Il bikini senza tempo
Se siete alla ricerca di un bikini moda anni '50, il modello proposto da FeelinGirl è quello che fa per voi! In 8 diverse varianti, il pezzo sopra sostiene e valorizza anche chi ha un seno abbondante, mentre lo slip è perfettamente in linea con il trend di quegli anni: la vita alta!
Compra su Amazon
Pro
  • Disponibile in 8 diverse varianti colore e fantasie
  • Particolarmente indicato per chi ha un seno abbondante
  • Lo slip è a vita alta
Contro
  • Veste molto: prima di procedere all'acquisto, consultate la tabella delle taglie con le relative misure
  • Le scarpe con il tacco completano tutte le mise di questi anni. È proprio tra i capi moda anni ’50 che viene inventato il tacco a spillo: molto più alto e sottile rispetto a quello del passato, in quegli anni compaiono sul mercato anche scarpe coloratissime e realizzate in pendant con gli abiti;
  • Le borse sono delle piccole chicche preziose a cui solitamente si aggiunge un manico da portare a mano o al polso. La novità è che a fianco delle classiche borse in pelle tipicamente da giorno, per le serate importanti compaiono le prime preziosissime clutch.

Moda anni ’50: il make-up e l’hairstyle

Il make-up è sofisticato e sensuale. L’eye-liner è un elemento immancabile nel trucco anni ’50 ed è distintivo negli sguardi che segnano questo decennio. Vene applicato disegnando una linea che allunga l’occhio e si estende nella sua parte più esterna.

Il fiammeggiante rossetto rosso spicca sugli incarnati avorio, mentre sugli occhi compaiono i primi ombretti chiari ma illuminanti, come le tonalità perla e champagne. Le sopracciglia sono ad ala di gabbiano, perfettamente disegnate da un tratto di matita.

Un vezzo di questo periodo (e che è passato alla storia) è il beauty mark, il neo: reso celebre da Marylin, viene imitato da tantissime donne, facile da ricreare grazie all’utilizzo di una matita da trucco.

Le unghie sono ben curate, lunghe e arrotondate: vengono laccate con lo smalto rosso per riprendere il rossetto sulle labbra, stesso principio del matchy-matchy dell’abbigliamento.

I capelli si accorciano, la lunghezza prediletta è il taglio medio-corto, perfettamente acconciato e vaporoso. Liz Taylor e Marylin Monroe resero popolare questo hairstyle, utilizzando bigodini e forcine per mettere in piega i capelli durante la notte.

Outfit, make-up e hairstyle da cui prendere ispirazione

Nella gallery abbiamo selezionato per voi alcuni outfit a cui ispirarvi per vestire oggi la moda anni ’50, così come il make-up più famoso e le acconciature più in voga di quegli anni.

La moda anni '50: dalle pin up alle icone del dopoguerra
Pinterest
Foto 1 di 12
Ingrandisci