logo
Galleria: La vita di Mirca Viola, la bellissima Miss Italia squalificata perché mamma

La vita di Mirca Viola, la bellissima Miss Italia squalificata perché mamma

La vita di Mirca Viola, la bellissima Miss Italia squalificata perché mamma
Foto 1 di 10
x

Quello che è successo a Mirca Viola non accadrà più. Dal quel giorno i regolamenti sono cambiati e ora anche una mamma può essere Miss Italia.

È accaduto nel 1987 a Mirca Viola: non ha nemmeno il tempo di realizzare la vittoria che il titolo tanto ambito le viene subito revocato perché si scopre essere sposata con il produttore Enzo Galli e già mamma di Nicholas. Fu così che la corona passò alla seconda classificata.

Mirca non ha rinunciato però al suo sogno di entrare nel mondo dello spettacolo e nonostante l’ingiusta squalifica è riuscita nel corso della sua vita a ottenere ruoli in programmi tv e fiction, una su tutte CentoVetrine, impersonando Asia Ricci. Nel 2003 diventa una delle conduttrici di Sipario, rubrica del Tg4 dedicata allo spettacolo. Debutta successivamente anche sul grande schermo sia come attrice che come regista: ha all’attivo due film L’amore fa male e Cam Girl ultimo film diretto nel 2014. E non ha mai abbandonato la carriera da modella, posando per noti brand.

Se nel 1987 era proibito essere una miss e allo stesso tempo avere una famiglia, ora il regolamento del famoso concorso è cambiato. Nonostante ora sia ammessa la partecipazione a mamme e mogli, c’è ancora qualcuno che si stupisce e si incattivisce alla vista di una mamma che porta con sé la bimba di sei mesi alle selezioni di Miss Italia. È successo a Alessia Spagnulo, aspirante Miss Italia che ha passato le prime selezioni all’inizio del 2018 sfilando con la sua bambina nel marsupio e si è ritrovata coperta di critiche e insulti ingiusti da parte del web.

Chi sono le nuove aspiranti Miss Italia: una sfila con il bambino in fasce

Chi sono le nuove aspiranti Miss Italia: una sfila con il bambino in fasce

La grande forza di Mirca deve essere d’esempio a tutte le donne: non si è arresa e ha continuato per la sua strada. Ha avuto un’altra bambina e ha continuato a essere una mamma e una moglie attenta e presente, senza rinunciare ai propri sogni.

Essere mamma non è un problema e non può essere una discriminazione, avere un bambino non è una difficoltà o un ostacolo alla carriera. E nessuno dovrebbe permettersi di farci credere il contrario.

Sfogliate la gallery per scoprire la sua storia.