logo
Stai leggendo: Corso Prematrimoniale: Cos’è, Come Funziona e Chi Deve Frequentarlo

Corso Prematrimoniale: Cos'è, Come Funziona e Chi Deve Frequentarlo

Evviva, l'abbiamo deciso: ci sposeremo. Abbiamo scelto la data e abbiamo optato per un rito religioso, e pertanto dovremo necessariamente frequentare un corso prematrimoniale. Ecco di cosa si tratta, come funziona, quali sono gli argomenti affrontati e i documenti da esibire!
corso prematrimoniale
Fonte: Web

Evviva, che vada per il grande giorno: lui ci ha chiesto di sposarlo, noi abbiamo detto sì e abbiamo stabilito indicativamente una data. Ma tra il dire e il celebrare c’è di mezzo… il corso prematrimoniale. Una scocciatura, per alcuni, un’opportunità per altri. Per tutti coloro che intendano sposarsi in chiesa, comunque, un obbligo. Qualora fossimo completamente disorientati e digiuni di ogni informazione relativa al corso prematrimoniale, potremmo iniziare – muovendoci magari un annetto prima rispetto alla data ipotizzata – rivolgendoci al parroco che celebrerà le nozze oppure alla parrocchia scelta per il matrimonio: generalmente, ogni parrocchia organizza ciclicamente corsi prematrimoniali rivolti ai fidanzati. Teniamo presente in ogni caso che non è necessario frequentare il corso prematrimoniale nella chiesa in cui ci sposeremo; può tuttavia capitare che alcuni sacerdoti richiedano di seguire il loro corso. Ma nella realtà non è così: non c’è nessuna prescrizione in merito, pertanto siamo liberi di frequentare il nostro corso prematrimoniale dove preferiamo, per poi esibire l’attestato di frequenza al “nostro” sacerdote.

Per quanto il corso prematrimoniale possa essere considerato una noia, o al più un passaggio obbligato per coronare il nostro sogno, non sono infrequenti le testimonianze di coppie che, dopo averlo frequentato, si sono ricredute: alcuni dei temi affrontati sono infatti molto attuali e vicini alla relazione di coppia, e pertanto possono diventare un effettivo spunto di riflessione per i partner.

Andiamo dunque a vedere quali sono gli argomenti trattati durante un corso prematrimoniale!

1. Quali argomenti vengono trattati durante il corso prematrimoniale

corso prematrimoniale argomenti
Fonte: Web

Trattandosi di un percorso preparatorio al matrimonio in chiesa, il corso prematrimoniale affronta tematiche religiose, prendendo in considerazione le tappe della vita di un cristiano, che sono almeno tre. Si parte dalla preparazione, definita remota, che di solito viene sviluppata nel corso della giovinezza e favorisce l’avvicinamento alla chiesa. Segue poi la preparazione prossima, che è un po’ il cuore del corso prematrimoniale: nel corso del fidanzamento, la coppia viene indirizzata verso la comprensione delle dinamiche interpersonali. Il corso prematrimoniale si conclude poi con la preparazione vera e propria nelle fasi più vicine al matrimonio. Questo naturalmente in termini generali. Passando agli argomenti specifici, i corsi prematrimoniali toccano i seguenti temi:

  • Lettura di testi biblici: vengono letti i passi relativi al rituale del matrimonio, spunti utili a spiegare com’è composto il rito nuziale visto in prospettiva diacronica;
  • Il rito nuziale: per i partecipanti a un corso prematrimoniale, è fondamentale conoscere gli aspetti pratici della cerimonia. Saranno dunque analizzati le fasi del rito nuziale, in particolare il nuovo rituale del matrimonio, entrato in vigore il 1° gennaio 2005 con alcune modifiche rispetto al precedente (da allora, per esempio, la scelta delle lettura e delle formule di rito per i diversi momenti della funzione spetta agli sposi);
  • Gli aspetti giuridici del matrimonio: è un aspetto che non può mancare in un corso prematrimoniale. Ai futuri sposi, talvolta con l’ausilio di un avvocato, vengono illustrati i dettagli legali del matrimonio, come per esempio la separazione o la comunione dei beni;
  • Il significato del percorso cristiano: visto che la coppia ha scelto un matrimonio religioso, ci saranno momenti espressamente dedicati all’approfondimento del significato dell’essere cristiani;
  • Il rapporto di coppia: sono appuntamenti in cui spesso vengono offerte le testimonianze di coppie già sposate che forniscono indicazioni circa le dinamiche della vita insieme, dalla comunicazione alla gestione di eventuali problemi e contrasti passando per la sessualità;
  • L’educazione dei figli: come sa qualunque coppia che stia per sposarsi in chiesa, il matrimonio religioso è strettamente legato alla procreazione finalizzata alla creazione di una nuova famiglia. A tal proposito, nel corso prematrimoniale si parla della crescita dei figli in chiave cristiana;
  • Momenti di raccoglimento, riflessione e preghiera: è l’ultima fase, o una delle ultime, del corso prematrimoniale, in cui i fidanzati vengono invitati a raccogliersi e a riflettere intimamente sul percorso che stanno per terminare e su quello che di lì a breve inizieranno.

Non di rado, in alcuni appuntamenti del corso prematrimoniale potrebbero essere previsti gli interventi di medici (per esempio ginecologi), psicologi o educatori, utili a sviscerare ancor meglio le tematiche affrontate. In alcune parrocchie, poi, una serata viene dedicata alla visione di un film.

Un’ultima curiosità: al termine del rito nuziale, gli sposi possono – in accordo col parroco – dar luogo al rituale, purtroppo non molto conosciuto né frequentato, dell’incoronazione degli sposi, un costume greco-ortodosso che prevede che la coppia neo sposata faccia il giro della chiesa celebrati e acclamati dagli invitati.

Vediamo ora per quanto ci impegnerà il corso prematrimoniale!

2. Quanto dura il corso prematrimoniale?

corso prematrimoniale durata
Fonte: Web

Non ci sono vincoli precisi sulla durata di un corso prematrimoniale, in quanto le modalità variano da parrocchia a parrocchia. Sempre da un punto di vista generico, si parla di un impegno che può durare due o al massimo tre mesi per una decina di incontri, a volte anche meno, tenuti alternativamente da un sacerdote (o più) o da coppie chiamate per portare la loro testimonianza ai partecipanti al corso prematrimoniale. In alcuni casi, nei corsi prematrimoniali, come accennato, vengono inseriti interventi di esperti come medici (per esempio ginecologi o esperti di sessuologia), psicologi ed educatori che possano aiutare a dipanare i dubbi in merito agli argomenti affrontati. Un ginecologo parlerà per esempio di concepimento o metodi anticoncezionali naturali, mentre lo psicologo si baserà più specificamente sulle dinamiche di coppia e sull’accordo – o, eventualmente, sul possibile disaccordo – tra i partner. Gli educatori potranno invece dare consigli utili sull’educazione dei figli in termini cristiani, cercando di spiegare come potrebbero cambiare gli equilibri di coppia con l’arrivo di un bimbo.

Al termine del corso prematrimoniale viene rilasciato un attestato di frequenza che dovrà essere presentato al parroco che celebrerà il rito nuziale. Per ottenerlo non è necessario sostenere alcun esame, in linea di massima sono sufficienti la frequenza e la valutazione positiva del sacerdote che ha tenuto e coordinato il corso prematrimoniale. A parte questo, quali sono i nostri obblighi?

3. Corso prematrimoniale: obblighi e vincoli

corso prematrimoniale obbligatorio
Fonte: Web

Se abbiamo optato per il matrimonio in chiesa anziché per quello civile in comune, per poterci sposare dovremo necessariamente partecipare a un corso prematrimoniale, detto anche “corso per fidanzati” o “percorso per fidanzati”. Non ci sono alternative: il rito nuziale religioso prescrive la frequenza obbligatoria del corso.

Inoltre, durante il corso prematrimoniale ci sarà richiesto di esibire i documenti necessari a ottenere il consenso al matrimonio. In particolare, nel momento delle pubblicazioni in Comune (al massimo sei mesi prima del matrimonio) le pubblicazioni stesse dovranno essere consegnate al sacerdote unitamente ai certificati di battesimo, di cresima, all’attestato di frequenza del corso e al già citato consenso, che dovrà essere firmato e sottoscritto in presenza del sacerdote che celebrerà la nostra messa nuziale.

Ma se proprio non avessimo tempo di frequentare un corso prematrimoniale, quali sono le nostre alternative?

4. È possibile frequentare un corso prematrimoniale online?

corso prematrimoniale online
Fonte: Web

A meno di una nostra svista, non risultano pervenute possibilità di seguire i corsi prematrimoniali online. Ma, volendo, si può frequentare (a pagamento, a differenza di quelli tenuti nelle parrocchie che sono sempre totalmente gratuiti) un corso prematrimoniale full immersion o intensivo della durata di un weekend, durante il quale la coppia si ritira in una struttura ecclesiastica, che può essere un monastero, un convento o un’abbazia, dove i futuri sposi vivono e alloggiano per due giorni. I corsi prematrimoniali full immersion si svolgono grossomodo in tutta Italia: per scoprire quale sia quello che fa più al caso nostro, è sufficiente inserire in Google la chiave di ricerca “corso prematrimoniale full immersion” seguito dalla nostra città per avere tutte le informazioni del caso. Qualora volessimo sfruttare questa opportunità, sarebbe bene che ci muovessimo in anticipo: a quanto pare, i posti per i corsi prematrimoniali intensivi vanno a ruba!

Bene, care amiche, ora che sapete tutto sui corsi prematrimoniali potrete dedicarvi liberamente ai preparativi per fare in modo che quello del vostro matrimonio sia davvero il giorno più bello della vostra vita… Auguri!

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...