Quando si parla di rapporti tossici, siamo portati a pensare a relazioni sentimentali tossici, ma queste non sono che una parte della storia. Le amicizie tossiche, ad esempio, sono più frequenti di quanto potremmo – e vorremmo – immaginare.

Secondo un sondaggio, addirittura l’84% delle donne e il 75% degli uomini ne avrebbero vissuta almeno una. Riconoscerle è fondamentale per evitare che possano influenzare il nostro benessere emotivo, ma non è sempre facile.

Cosa sono le amicizie tossiche?

In un’amicizia “sana”, entrambi gli amici tendono a rispettarsi e sostenersi a vicenda e tra loro c’è un profondo rapporto di fiducia. Nella maggior parte dei casi, entrambe le persone cercano di essere disponibili, premurose e generose, sia che si tratti del proprio tempo che delle loro risorse emotive e materiali.

Gli amici tossici, invece, spesso si presentano come impegnativi ed egoisti. Spesso hanno difficoltà a mantenere un livello di comunicazione diretto e sincero e diventano aggressivi, passivo-aggressivi o sprezzanti quando non ottengono ciò che vogliono. Possono dipendere dall’altra persona per avere conferme o per avere supporto costante, mostrando una serie di comportamenti che evidenziano una spasmodica ricerca di attenzione.

Anche nei rapporti sani capita di avere dei momenti no, ma gli amici tossici tendono a scatenare drammi e causare problemi regolarmente.

Se ti senti costantemente infastidita, disprezzata o frustrata quando trascorri del tempo con un certa persona, è importante prestare attenzione a quei sentimenti, perché possono indicare una dinamica malsana.

Come si riconosce un ambiente di lavoro tossico: 5 segnali da non sottovalutare

Come riconoscere le amicizie tossiche

Se dovessimo farla semplice, potremmo dire che l’amicizia dovrebbe farti sentire felice, forte e fiduciosa. Se non lo fa, ci sono buone probabilità che la tua sia una amicizia tossica e faresti bene a pensare a come uscirne.

Nella realtà, però, le cose sono più complicate e riconoscere le amicizie tossiche – e allontanarle – può essere un processo difficile e doloroso, per questo è importante riuscire a individuare le red flags che possono metterci in guardia. Quali sono?

Nelle amicizie tossiche tende ad esserci molta ansia, tristezza e stress. Ti senti prosciugata piuttosto che rigenerata dopo essere state o stati insieme? Provi un senso di sollievo quando l’altra persona annulla i piani? Questi sono segnali che il rapporto che stai vivendo non è sano.

Una sana amicizia, inoltre, dovrebbe essere bilaterale, con entrambe le persone che danno e ricevono. In una relazione tossica, una persona si sente di dare più dell’altra e potrebbe persino sentirsi sfruttata. Anche sentire costantemente di dover sopprimere i propri sentimenti per evitare una discussione è indicativo di problemi in un’amicizia.

Allo stesso modo, se non ti senti emotivamente sicura dovresti riconsiderare la tua amicizia, soprattutto di fronte a un’amica o un amico sempre critici, che cercano di cambiare chi sei o sminuiscono te o i tuoi sentimenti. L’invalidazione emotiva può avere un impatto sulla tua salute mentale ed è un buon motivo per allontanarti.

Nelle amicizie tossiche, infine, potrebbe esserci una mancanza di confini e un’estrema possessività che ti impedisce di coltivare serenamente altri rapporti di amicizia o sentimentali.

Come riconoscere una famiglia tossica e disfunzionale

Amicizie tossiche: come fare per allontanarle

Quando si sta vivendo un’amicizia tossica, la prima cosa da fare è fare un passo indietro, prendersi tempo e spazio e chiedersi se è un rapporto che merita di essere salvato.

Qualunque sia la risposta – e molto spesso è “no” -il passo successivo è una discussione onesta con l’altra persona: anche nel caso di un rapporto destinato a chiudersi, infatti, è necessario evitare di rifugiarsi nel ghosting e, per quanto imbarazzante possa essere, concedere a se stessi e agli altri un confronto vis-a-vis.

Se la decisione è un allentamento definitivo, il modo migliore per porre fine a queste amicizie è dire direttamente all’altra persona che hai riflettuto sulla questione e che non desideri più essere amica. Sii onesta su come ti sei sentita all’interno della relazione e spiega perché non vuoi proseguire nel rapporto di amicizia, spiegando  all’altra persona quali aspetti del suo comportamento ti hanno ferito.

Allontanare un’amicizia tossica può essere emotivamente molto sfidante, ma non è necessario farlo da soli: è anzi fondamentale cercare aiuto e supporto – di una persona fidata o di uno specialista – per affrontare il processo di rottura.

Articolo originale pubblicato il 15 Giugno 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!