Per migliorare la qualità della nostra vita bisogna agire e, secondo la Teoria del flow di Mihaly Csikszentmihalyi, basterebbe dedicarsi attivamente a ciò che si ama fare: investire del tempo in un’attività appagante può portare degli effetti positivi nel nostro modo di agire e vedere il mondo, rendendoci più felici.

Il raggiungimento dello stato di flusso, ovvero dell’esperienza ottimale che ci assorbe totalmente mentre disegniamo o scriviamo ad esempio, ha delle ripercussioni significative nel lungo termine. Ecco in cosa consiste la Teoria del flusso e come raggiungere il flow.

Cos’è la teoria del flow?

La Teoria del flow, chiamata anche Teoria dell’esperienza ottimale, è stata elaborata nel 1975 dallo psicologo ungherese Mihaly Csikszentmihalyi a seguito di una ricerca che esaminava delle persone (come scrittori, atleti, artisti, insegnati di scacchi) che svolgevano una determinata attività per puro piacere, senza alcuna implicazione economica o di prestigio sociale.

Ciò che emerse era che la sensazione di appagamento scaturita non derivava dal rilassarsi o dal vivere senza stress, bensì dall’assorbimento totale in quella determinata attività definito come flow, flusso nel suo libro Flow: The Psychology of Optimal Experience:

Uno stato in cui le persone sono così coinvolte in un’attività che nient’altro sembra avere importanza; l’esperienza è così piacevole che le persone continueranno a farla anche a costi elevati, per il puro gusto di farla.

I partecipanti erano motivati dalla qualità dell’esperienza che avevano vissuto mentre erano impegnati nell’attività: euforia e gratificazione scatenavano l’esperienza di flusso quando l’attività era difficile e comportava uno sforzo volontario per portarla a compimento, mettendo alla prova le capacità dell’individuo.

La teoria del flow evidenzia come il raggiungimento dello stato ottimale sia possibile solo se c’è un equilibrio tra le capacità percepite e le opportunità di azione: se la sfida è troppo difficile da affrontare per le nostre capacità, ci facciamo prendere dall’ansia e molliamo; se al contrario sono le capacità ad essere troppo sviluppate in rapporto alla sfida, all’inizio di farà strada una sensazione di relax e successivamente subentrerà la noia.

10 app di auto-aiuto e salute mentale che rendono la vita un po' più facile

Teoria del flow: come può aiutarci?

La Teoria del flow di Csikszentmihalyi è in grado di apportare un contributo positivo alla nostra esistenza, ma come? Durante li flusso l’attenzione viene investita liberamente per raggiungere gli obiettivi prefissati dalla persona perché non c’è nessun elemento di disordine o nessuna minaccia incombente da cui difendersi.

Sperimentare questo stato più di frequente contribuisce al miglioramento della qualità della vita perché riusciamo a controllare la nostra energia psichica e il nostro sé acquisisce complessità grazie a due processi psicologici: differenziazione e integrazione.

  • Differenziazione: Dopo l’esperienza di flusso il sé diventa differenziato perché la persona si sente più capace e percepisce a pieno la propria individualità;
  • Integrazione: Il flusso è in grado di portare all’integrazione perché pensieri, sentimenti, sensi e intenzioni sono tutti unitamente focalizzati sul medesimo obiettivo. La persona si sente più sicura ed equilibrata, non solo con se stessa ma anche nei confronti del mondo e di chi le sta accanto.

Le persone che raggiungono il flusso con più regolarità prestano molta attenzione ai dettagli dell’ambiente circostante e del contesto nel quale si muovono, scoprendo opportunità che sarebbero altrimenti nascoste, scorgono l’occasione per agire e si fissano degli obiettivi, ne monitorano i progressi, ottengono feedback e affrontano sfide sempre più impegnative.

Più si sperimenta il flow e più si sviluppa la motivazione intrinseca (ovvero fare qualcosa perché ci piace senza bisogno di ricompense esterne) che consente alla persona di non lasciarsi disturbare facilmente dagli eventi esterni, riuscendo quindi ad ignorare gli stimoli irrilevanti. Si è in grado di filtrare gli stimoli e controllare maggiormente i propri pensieri.

Aumentando la frequenza della sperimentazione del flusso, le persone possono raggiungere la complessità emotiva e questo aiuta a sviluppare abilità che permettono di regolare le emozioni in modo più efficace.

Le ricerche alla base della Teoria del flow suggeriscono anche che gli stati di flusso possono essere collegati a maggiori livelli di felicità, soddisfazione e auto-realizzazione migliorando le prestazioni in ambiti tra i quali l’insegnamento, l’apprendimento, l’atletica e la creatività artistica.

Il test per scoprire se hai l'intelligenza emotiva (e come può renderti felice)

Stato di flow: cos’è e come raggiungerlo

Lo stato di flusso, o stato di flow, è stato chiamato così perché durante la ricerca del professor Csikszentmihalyi i partecipanti all’indagine paragonarono l’esperienza vissuta a una corrente, allo scorrere dell’acqua di un fiume.

Il flusso si riferisce a uno stato mentale che riunisce aspetti cognitivi, fisiologici e affettivi e questa esperienza corrisponde a uno stato psicofisico ottimale che ispira la persona a dare il massimo in quella determinata attività.

Mentre quasi ogni coinvolgimento attivo può potenzialmente portare al flusso, le attività che sono passive, come guardare la televisione, normalmente non portano a questo stato.

Quindi come raggiungere lo stato di flow? Ecco 4 modi per riuscirci:

  • Stabilire obiettivi chiari: Csíkszentmihályi spiega che il flusso è probabile che si verifichi quando un individuo è di fronte a un compito che ha obiettivi chiari che richiedono risposte specifiche. Una partita di scacchi è un buon esempio di quando potrebbe verificarsi uno stato di flusso. Per la durata di una competizione, il giocatore ha obiettivi e risposte molto specifici, permettendo all’attenzione di essere concentrata interamente sul gioco.
  • Eliminare le distrazioni: È più difficile sperimentare il flusso se c’è qualcosa che ci distrae, quindi è necessario ridurre ciò che potrebbe potenzialmente disturbarci e distrarci in modo da poterci concentrare completamente sul compito da svolgere.
  • Aggiungere un elemento di sfida: come spiega Csíkszentmihályi:

    Il flusso si verifica anche quando le abilità di una persona sono pienamente coinvolte nel superare una sfida che è appena gestibile, quindi agisce come una calamita per imparare nuove abilità e aumentare le sfide. Se le sfide sono troppo basse, si ritorna al flusso aumentandole. Se le sfide sono troppo grandi, si può tornare allo stato di flusso imparando nuove abilità.

  • Scegliere qualcosa che ti piace fare: Non è possibile raggiungere il flow se si sta svolgendo un’attività noiosa o che odiamo, quindi è essenziale individuarne una che si ama e si trova appassionante.
Autodeterminazione personale, la qualità di chi prende in mano la propria vita

Articolo originale pubblicato il 27 Novembre 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!