“Cosa ti fa sentire a disagio in quanto donna?“: le vostre risposte - Roba da Donne

“Cosa ti fa sentire a disagio in quanto donna?“: le vostre risposte

Il mansplaining. Il sessismo. Il catcalling. L'essere sminuite. Cosa vi mette davvero a disagio in quanto donne? Ve lo abbiamo chiesto, e queste sono state le vostre risposte.

Che cosa ci mette davvero a disagio in quanto donne?

Lo abbiamo chiesto in un post a tutte voi, lasciandovi libere di raccontare cosa vi infastidisce, cosa non sopportate di quello che gli altri vi dicono solo perché siete donne.

Lo spunto per chiedervi, e chiederci, cosa ci infastidisca davvero delle parole o degli atteggiamenti degli altri nei confronti delle donne nasce dalla testimonianza di questa ragazza, E., che ci ha scritto:

Ho la fortuna di lavorare con dei colleghi giovani, molto aperti e attenti a determinate tematiche.⠀⁠
Eppure, ogni tanto a qualcuno di loro ‘scappa’ una battuta infelice sulle donne o un qualche apprezzamento non richiesto.⠀⁠
Lo fanno per ridere, lo so, e non per ferire, ma a me dà molto fastidio.⠀⁠
Mi sento a disagio e non so come parlargliene. Ho paura che mi vedano come una rompipalle esagerata!

Perché la verità è che le donne si ritrovano spesso e volentieri, loro malgrado, sottoposte a situazioni spiacevoli, che non tutte sanno davvero come affrontare. Per eccessivo pudore, per paura di “disturbare” o di essere malviste, per paura.

Ma è proprio giocando su questo genere di atteggiamento, sulla remissività, sulla vergogna e sul timore di protestare ed esprimere il proprio dissenso, che comportamenti come il mansplaining, il catcalling o il sessismo trovano una via facile per continuare a prosperare. E chi li pratica lo fa nella ferrea convinzione di essere nel giusto, di non stare facendo nulla di male, perché, dopotutto, si è sempre fatto così.

Al nostro post “In quanto donna, mi sento davvero a disagio quando… “ avete risposto veramente in tantissime, sia su Facebook che su Instagram, e queste sono alcune delle risposte più significative che ci avete inviato.

Mimma

Mi fanno sentire a disagio quando mi chiedono “se ho le mie cose”.

Martina

Quando dopo aver saputo che ho 30 anni mi chiedono cosa aspetto a fare un figlio.

Violacivis

Quando a una riunione parlano solo gli uomini, di cui fa parte il capo, oppure fanno una riunione a parte tra di loro escludendoci e facendoci sentire meno intelligenti e capaci, anche se spesso siamo solo meno aggressive e più riflessive. Tutto questo in un gruppo di ricerca a maggioranza femminile.

Cristina

Mi sento a disagio quando mi dicono che devo dimagrire per star bene con mio marito, altrimenti se ne va a cercare un’altra.

Nicoletta

Quando fanno battute vedendo una coppia dove la donna ha qualche anno in più dell’uomo.

Marikù

Quando sento proverbi che parlano male delle donne.

glrmgl

Quando mi chiedono cosa aspetto a 23 anni a trovarmi un uomo per andare via da casa. Cazzarola ma sarò libera di andarmene perché voglio farlo da sola?!

Giulia

Quando dicono che sei una donna con i co****ni per dire che abbiamo carattere, no? Odioso

Nicoletta

Quando sei madre e casalinga e presumono che tu sia a casa a fare un tubo. Senza dare un valore al tuo tempo, dando così per scontato quello che fai perché “tanto sei a casa e devi farlo”

Simona

Quando nell’ambito lavorativo e sei più preparata degli uomini e lo dimostri vieni considerata antipatica, stronza, isterica.

Nausica

Mi sento davvero a disagio quando un uomo si sente autorizzato a commentare in maniera spinta una mia foto e poi sentirmi dire che se sei sui social, te li devi aspettare certi commenti.

Giulia

Mi sento a disagio quando viene criticata la mia scelta di non diventare madre. La risposta più tipica: con il tempo cambierai idea!

Dalila

Mi sento a disagio quando racconto che ho subito una molestia sessuale e mi dicono “forse hai fatto qualcosa per provocarlo, ad esempio come eri vestita?”

Stefania

Quando mi dicono “che donna!” quando cucino bene qualcosa. Sarebbe la cucina a rendermi una vera donna, ma davvero?!

Cristina

Quando ai colloqui di lavoro la prima cosa che fanno è chiederti se hai intenzione di avere figli, perché sai poi c’è quella cosa brutta della maternità, devi stare a casa pagata, eh eh in caso ti dovresti licenziare… Ma vaff****o va!

Vanessa

Chiamano una donna puttana se è una stronza. E un uomo stronzo se è uno stronzo.

La discussione continua nel gruppo privato!
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 4 voti.
Attendere prego...