logo
Stai leggendo: Saldi estivi 2018: le date regione per regione e 4 consigli per fare un vero affare

Saldi estivi 2018: le date regione per regione e 4 consigli per fare un vero affare

Tutte le date regione per regione e consigli utili per affrontare i saldi estivi 2018: ecco cosa c'è da sapere.

Saldi estivi 2018, come ci si prepara al meglio? È una domanda che ricorre ogni anno, forse perché certi concetti è sempre bene ribadirli. Il 7 luglio in quasi tutta Italia partiranno infatti i saldi estivi 2018 e noi dobbiamo prepararci a ogni evenienza, perché comprare scontato è sempre conveniente – non solo per noi acquirenti ma anche per i negozianti, che in questo modo svuotano il magazzino. Continuate a leggere per sapere tutte le curiosità del caso.

Quando iniziano i saldi estivi?

Saldi estivi 2018
Fonte: Pixabay

Ecco tutte le date regione per regione.

  • Abruzzo: dal 7 luglio al 29 agosto
  • Basilicata: dal 7 luglio al 2 settembre
  • 
Calabria: dal 7 luglio all’1 settembre
  • 
Campania: dal 7 luglio al 30 agosto
  • 
Emilia-Romagna: dal 7 luglio al 30 agosto
  • Friuli-Venezia-Giulia: dal 7 luglio al 30 settembre
  • Lazio: dal 7 luglio per sei settimane
  • Liguria: dal 7 luglio al 14 agosto
  • 
Lombardia: dal 7 luglio al 30 agosto
  • Marche: dal 7 luglio all’1 settembre
  • 
Molise: dal 7 luglio al 30 agosto
  • 
Piemonte: dal 7 luglio per 8 settimane
  • 
Puglia: dal 7 luglio al 15 settembre
  • 
Sardegna: dal 7 luglio al 30 agosto
  • Sicilia: dall’1 luglio al 15 settembre
  • 
Toscana: dal 7 luglio all’1 settembre
  • 
Umbria: dal 7 luglio al 30 agosto
  • 
Valle D’Aosta: dal 7 luglio all’1 settembre
  • 
Veneto: dal 7 luglio al 31 agosto
  • Provincia autonoma di Trento: dal 7 luglio al 12 agosto
  • Provincia autonoma di Bolzano: i commercianti determineranno le date.

Quali capi non perdere ai saldi estivi 2018

Tra i capi da non perdere quest’anno ci sono le camicette e i vestiti con la scollatura arricciata. Sì, probabilmente passeranno di moda presto, ma niente paura, perché torneranno. In fondo sono un’eredità degli anni ’60 e furono di nuovo in auge nei primi anni 2000. E la moda è fatta di corsi e ricorsi.

Un buon consiglio però riguarda i capi passe par-tout: camicette bianche, prendisole monocromatici (o al massimo a righe o scozzesi), abitini scuri per la sera, magari una giacchina in crepe di seta sono tutti capi che potrete indossare in futuro abbinandoli con qualcosa di chiara tendenza. Date uno sguardo a quello che indossa Meghan Markle: non sarà una principessa in senso stretto ma è una regina di stile. Ecco però quali altri consigli seguire per non incappare in delle fregature durante i saldi estivi.

1. Occhio al cartellino

Saldi estivi 2018
Fonte: Pixabay

Etichette e cartellini sono fondamentali all’acquisto di un capo. Innanzitutto lo sono i cartellini, perché devono riportare il prezzo originale del capo e lo sconto praticato. C’è chi pretende anche che il cartellino contenga anche il prezzo già scontato, ma sarebbe complesso per i commercianti, dato che i saldi sono progressivi e quindi l’ultimo prezzo non resterà invariato fino alla fine dei saldi ma si abbasserà sempre di più (sempre che resti ancora in vendita). L’importante è conoscere il prezzo di partenza per una questione di trasparenza e onestà da parte del commerciante. Inoltre, i capi che acquistate devono essere muniti delle etichette che indicano composizione e consigli per il lavaggio.

2. L’acquisto sicuro

Non è tutto oro quello che luccica: un capo, per essere giusto per noi, deve avere determinate caratteristiche, non solo il prezzo basso. Ci deve stare bene e deve essere della nostra misura, innanzitutto. Per questo è bene provarlo prima – e mai sceglierne uno più piccolo sperando di dimagrire – anche perché non tutti i commercianti accettano un cambio durante i saldi oppure lo accettano solo su altra merce in saldo e non sui nuovi arrivi – il che diventa abbastanza complesso se parliamo di trovare qualcos’altro in sostituzione soprattutto gli ultimi giorni dei saldi. I nuovi arrivi devono comunque essere ben segnalati per non confondersi con la merce in saldo. Controllate anche che in effetti in cassa avvenga lo sconto che avete preventivato in base al cartellino e che la merce non sia difettosa. Potete pagare anche con carta di credito e state attente ai sovrapprezzi che dovessero esservi addebitati: è vietato.

3. Come fare shopping e con chi

Saldi estivi 2018
Fonte: Pixabay

Munitevi di indumenti e scarpe comode per fare shopping durante i saldi, non solo per la strada da fare e il tempo di attesa in piedi. Se dovete slacciare troppi lacci ogni volta che provate qualcosa rischiate di perdere troppo tempo. Idem con le compagnie: la compagnia è bella, ma spesso rallenta da morire. E poi rischiate di perdere il capo che vi piace tanto solo per il giudizio negativo di un’altra persona, per quanto in buona fede.

4. Gli ultimi saldi

I saldi estivi, dicevamo, sono progressivi. Questo significa che gli ultimi giorni potremmo trovare delle occasioni davvero molto scontate. Ci sono dei però: se abbiamo adocchiato un capo a inizio stagione e siamo tanto fortunate da trovarlo in saldo, acquistiamolo subito o rischiamo di non trovare più la taglia giusta – ovviamente questo vale per coloro tra noi che abbiano una taglia molto comune. In pratica, se calzate il 37 di scarpe, non fatevi scappare quelle espadrillas che vi piacciono tanto. Inoltre, con gli ultimi saldi c’è da cercare davvero bene per qualcosa che possa fare al caso vostro: se certi capi sono rimasti in negozio anche alla fine degli sconti un motivo ci sarà.

Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...