diredonna network
logo
Stai leggendo: Fantasie tapestry! Il divano della nonna non è mai stato così cool

Blu Niagara, il colore dei matrimoni e della primavera 2017

5 modi per avere vestiti nuovi senza spendere un capitale

Perché questo abito di Primark è in vendita su Ebay al doppio del suo prezzo

Motivi primavera/estate 2017: nuova linea e capsule collection ispirata a Coachella!

Costumi Goldepoint 2017: sfilata e collezione dalle atmosfere seventies

Tempo di togliere i collant, non le calze a rete: come abbinarle

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Fantasie tapestry! Il divano della nonna non è mai stato così cool

Vi proponiamo un altro mood di stagione davvero molto particolare! Le fantasie tapestry trasformano i vecchi divani della nonna i favolosi vestiti da indossare per sentirsi delle opere d'arte un po' retrò.

Vi è mai capitato che qualche mamma/nonna/zia/amica vedendo un vostro outfit abbia esclamato “Sembri una tenda!” e voi con la coda tra le gambe avete fatto dietrofront per andarvi a cambiare? Bene, da ora in poi potrete rispondere “Non sono mai stata così glam!”

Non so voi ma io vedendo la sfilata A/I 2012 Dolce & Gabbana, con un chiaro inno alla Sicilia barocca, ho sognato ad occhi aperti! Hanno seguito a ruota Prada, Miu Miu, Kenzo, Hermes e potrei continuare! Le pesanti stoffe di tende e divani di altri tempi trasformate in vestiti e giacche donano un’eleganza unica a chi li indossa mischiando la moda all’arte con richiami barocchi e rococò. Velluti morbidi si impreziosiosiscono di disegni, perlopiù dorati, di lievi arabeschi floreali.

Tapestry: tappezzeria appunto! Dal barocco all’età contemporanea, le fantasie tapestry toccano anche motivi optical che ricordano la carta da parati anni ’60. Forme geometriche, fiori e patchwork coloratissimi dallo stile retrò e dal sapore un po’ intellettuale.

Accessori: borse e scarpe non vengono dimenticati, il mood investe anche loro. Tessuto ricamato sulla nuova clutch rigorosamente e rigidamente rettangolare di Stella McCartney mentre una stoffa retrò-chic dona nuova anima alla Icon Peekaboo di Fendi. Ai piedi, Ankle-boots zeppati e totalmente decorati, come suggerisce Collection Privée?, o stringate ipermaschili dai disegni stilizzati.

Quest’anno la moda sembra averci dato in mano meravigliosi strumenti mettendoci però alla prova. Tutti i trend proposti dagli stilisti vanno utilizzati con parsimonia e il tapestry non è da meno. Anche stavolta infatti è consigliabile scegliere un solo capo, pezzo chiave, particolare e protagonista, e giocare il resto del look su contrasti più sobri ed evergreen. Ad esagerare con questo pattern, infatti, si darebbe ragione alle mamme di cui sopra per cui si ai cappotti optical ma con un abbigliamento soft, si a tailleur stile Prada ma con scarpe tinta unita, si a vestiti barocchi ma con accessori sobri.

E voi avete già acquistato qualche capo di questo mood? Per le addicted della moda low cost il mio consiglio è ASOS che per questo autunno/inverno propone una collezione tapestry molto bella! VIA ALLO SHOPPING!