diredonna network
logo
Stai leggendo: Massacro a Charlie Hebdo: Continua la Caccia All’Uomo

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Massacro a Charlie Hebdo: Continua la Caccia All'Uomo

Ultimi aggiornamenti da Parigi sul terribile massacro a Charlie Hebdo che ha lasciato tutto il mondo senza parole.
(foto: Web)

Il Mondo,non solo la Francia, è ancora sotto shock, dopo una folle giornata di terrore e sangue nella capitale.
I terroristi che “nel nome di Allah” hanno aperto il fuoco e ucciso ben 12 persone facendo irruzione nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo.
I killer sarebbero due fratelli franco-algerini di 30anni e un giovane 18enne il loro complice.
Amid, questo il suo nome, si è costituito, come conferma il sito di Le Parisien.
Una notizia passata anche da altri media ufficiali come radio France Info e la rete All News Itelè.
Secondo le fonti il giovane sarebbe il meno implicato nella pianificazione e nell’esecuzione del terribile attacco, anzi, sarebbe stato ascoltato come persona a conoscenza dei fatti.
Il suo alibi è forte poichè i compagni di scuola confermano la sua presenza in aula nelle ore del massacro.

Parigi da ieri sera è una città blindata, ferita ma allo stesso tempo combattiva, sono infatti circa 100mila manifestanti in tutto il Paese, sotto lo slogan #jesuischarlie e #notafraid (nessuna paura).

L’Union ha scritto che le ricerche si stanno concentrando sulla città di Reims, 140 chilometri a nordest di Parigi, dove stanno convergendo delle unità d’elite della polizia e sarebbero in corso delle perquisizioni. Secondo lo stesso giornale, gli attentatori sono stati identificati e uno di loro sarebbe proprio di Reims.

Le tracce degli attentatori si sono perse nel 19/o arrondissement di Parigi, quartiere popolare a nordest, non lontano dal parco della Villette, su una strada che porta verso l’esterno della città dove il veicolo di cui si erano impossessati all’uscita della sede di Charlie Hebdo si è scontrato con una Volkswagen.
I terroristi hanno percorso la loro folle corsa a piedi fino a quando hanno assalito una vettura, trascinato fuori il guidatore e ripreso la fuga verso la banlieu.

Ps: La Redazione di RdD si rifiuta di condividere il video del massacro.