diredonna network
logo
Stai leggendo: Photoshop e la Bellezza Curvy: Come Cambia il Volto di una Donna

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

Perché secondo la scienza è meglio essere single

Oroscopo dal 9 al 15 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Proprio come Bridget Jones: 1° lezione di Bridget-conomy

Photoshop e la Bellezza Curvy: Come Cambia il Volto di una Donna

Cosa succede se una donna in sovrappeso chiede a diverse persone di 21 paesi del mondo di modificare il suo visto utilizzando Photoshop?
(Foto: Web)

Vi ricordate l’esperimento della giornalista che ha chiesto a tante persone di nazionalità diversa di modificare il suo volto con Photoshop?

Una richiesta del tutto simile è stata fatta da Maria Southard Ospina: la donna ha domandato infatti a persone di 21 paesi diversi di operare delle modifiche alla fotografia del suo viso al naturale, seguendo gli standard di bellezza del loro paese.

Che cosa c’è dunque di particolare in questo esperimento rispetto al primo?

La particolarità sta nel fatto che il volto di Maria è paffuttello: quindi siamo davanti a un esperimento ha voluto vedere in che termini viene percepita una donna curvy per il mondo.

Partendo dal presupposto che il nostro mondo persegue un ideale di perfezione molto spesso artefatto a causa proprio di strumenti come Photoshop, questo esperimento vuole in prima battuta fare un sondaggio su come un volto paffuto può essere considerato più o meno bello.

Noi sappiamo che la bellezza, quella vera, è quella che appartiene a ogni donna, così come è stata fatta da madre natura e non come è stata “plasmata” da qualche intervento di chirurgia plastica o da un programma di fotoritocco, e lo sa anche Maria: questo non vuol dire infischiarsene del proprio aspetto, per cui possiamo anche domandarci se una persona ci trovi più o meno attraenti, ma prendersi cura di se stesse con la consapevolezza che siamo belle così come siamo.

Un invito quindi ad amare il nostro corpo, che non vuole demonizzare il fotoritocco, che se usato con parsimonia non snatura (e la stessa Maria ricorda che giù utilizzare un filtro di luce in una fotografia invece di un altro è già apportare una modifica).

I risultati dell’esperimento, pubblicati sul sito Bustle, sono stati molto interessanti: su 21 paesi interpellati, solo 3 (Ucraina, Messico e Lettonia) hanno modificato pesantemente il volto, rendendolo più sottile e smunto.

La maggior parte delle persone che ha lavorato sul volto di Maria ha aggiunto del trucco, ha cambiato il colore dei capelli o ha stravolto l’acconciatura.

Una vittoria dunque per chiunque si schieri contro l’abuso di Photoshop sul corpo femminile e anche per tutte le donne che sostengono che la bellezza non stia in un’eccessiva magrezza, ma nella fierezza di mostrarci così come siamo!

Se vuoi vedere come il volto di Maria è stato modificato, visita la gallery qui sotto!