diredonna network
logo
Stai leggendo: Save the Children: video shock contro la guerra in Siria

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Save the Children: video shock contro la guerra in Siria

Un video intensissimo che mostra come cambiano gli occhi di una bambina con l'arrivo della guerra. Una campagna di sensibilizzazione promossa da Save The Children alla vigilia del terzo anniversario dell'inizio del conflitto in Siria.
(foto:Web)
(foto:Web)

L’associazione Save the Children ha lanciato ieri nel mondo, a quasi 3 anni dallo scoppio della guerra in Siria, un video che vuole sensibilizzare a livello globale sul conflitto siriano.
Save The Children spera in una grande mobilitazione, in aiuto di tutti i bambini vittime della guerra, affinchè si riesca a porre fine a questa violenza senza senso che colpisce in modo particolare i piccoli e le loro famiglie.
In pochi minuti di video si vede la vita di una bambina trasformarsi, in poco più di un anno, a causa della guerra. I suoi occhi, da gioiosi e ricchi di speranza, diventano spenti e senza ottimismo per il futuro. La piccola non ha più nemmeno la forza e la fantasia di soffiare sulla candelina della torta del compleanno per esprimere un desiderio. Non è ovvio quale sarebbe per lei l’unico vero regalo?
La fine di una guerra, di una tragica lotta che le ha portato via la famiglia.
Una vita felice stravolta dai bombardamenti. E il messaggio finale fa riflettere tutti:

“Solo perché non accade qui, non vuole dire che non stia accadendo”

Già. Nessuno di noi dovrebbe sentirsi escluso dal tentativo di fermare questo massacro.

>>> Ecco il Video di Save The Children