diredonna network
logo
Stai leggendo: Naufrago torna a casa dopo 13 mesi in mare

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Selenza Gomez: "Ero rotta dentro. Ecco come la terapia ha cambiato la mia vita"

J-Ax intervista Fedez: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina"

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Naufrago torna a casa dopo 13 mesi in mare

Un pescatore salvadoregno ha vissuto per più di un anno su una piccola imbarcazione in balia dell'Oceano Pacifico.
Naufrago torna a casa dopo 13 mesi in mare

Proprio come Robinson Crusoe.

Josè Salvador Albarengo, un pescatore salvadoregno di 37 anni, è stato trovato ieri dopo aver passato 13 mesi in balia delle onde dell’Oceano Pacifico.

Salpato, con la sua piccola imbarcazione di fibra di vetro, dalle coste del Messico per una battuta di pesca allo squalo che sarebbe dovuta durare un solo giorno si è ritrovato a vivere un vero incubo.

Il vento, infatti, ha trascinato la barca al largo e non ha dato scampo al povero Josè.

Assieme a lui c’era il giovane Xiquel,  morto  dopo pochi giorni.

Josè è sopravvissuto pescando  e catturando degli uccelli a mani nude idratandosi con acqua piovana e sangue di tartarughe.

E’ stato trovato sulle coste delle isole Marshall quando la sua imbarcazione si è arenata su una spiaggia a 12.500 km da casa.

L’uomo, considerata l’avventura vissuta, si trova in buone condizioni fisiche. Disidratato e molto magro ma lucido e sorridente alla vista dei soccorritori.

Beh… sicuramente Josè avrà una storia molto interessante da raccontare ai nipotini!!!