diredonna network
logo
Stai leggendo: Zili, 11 anni e una vita in catene [FOTO-DENUNCIA]

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Zili, 11 anni e una vita in catene [FOTO-DENUNCIA]

Zili, 11 anni, vive incatenato da quando era piccolissimo. Il fotografo William Hong denuncia la povertà e il maltrattamento dei bambini in Cina attraverso un documentario fotografico.
(foto:Web)

William Hong, fotografo della Reuters, ha documentato una terribile storia di maltrattamento di bambini e povertà.
Le fotografie in questione sono state scattate a Zhejiang, una provincia cinese.
Il bambino che vedete ritratto in catene si chiama Zili e ha solo 11 anni.

(foto:Web)

Il piccolo vive in queste condizioni da quando aveva pochi anni e quando si chiede agli adulti del posto una spiegazione su questo trattamento la risposta viene data in modo tanto naturale quanto spaventoso: Zili soffre di disturbi mentali dopo una caduta che gli ha provocato una ferita alla testa dal quale non si è più ripreso.
E questo basta per farlo vivere come una bestia?! Secondo la famiglia non ci sono dubbi.

(foto:Web)

Da quella caduta Zili è diventato aggressivo e la sua gestione (lo accudisce il nonno) è impossibile. La catena al piede lo accompagna praticamente da sempre.

Queste foto sono state una denuncia sociale non solo per la storia di Zili, ma per tutti quei bambini dimenticati che in Cina rappresentano numeri da record.
Molti casi sono nascosti nelle aree delle province più lontane del Paese.
Per il piccolo Zili si sono mobilitate, grazie a queste immagini, le associazioni per la tutela dei diritti dell’infanzia.