diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 storie di animali arrestati

Siate vere! È solo questione di prospettiva: parola di fitness blogger!

Johanna, la donna che non può abbracciare nessuno... nemmeno suo marito

Arriva il maglione per i giorni da "lasciatemi in pace!"

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

5 storie di animali arrestati

5 assurde storie di animali condannati e arrestati.Ci credereste mai voi all'esistenza di un piccione-spione?!?
(foto:Web)

Oggi vi raccontiamo, grazie al sito Odee.com, 5 storie di animali accusati di crimine e per questo arrestati. Elefanti omicidi, capre vandale e mucche testimoni di un assassinio.

Non ci credete? Eppure la cronaca ha raccontato queste incredibili storie che vi faranno comunque “sorridere” per la loro assurdità.

>>> 5 storie di animali arrestati

Piccione spione

(foto:Web)

Nel 2010, la polizia indiana ha arrestato un piccione accusato di spionaggio per il vicino Pakistan. L’uccello è stato trovato da un residente locale nello stato del Punjab in India, che confina con il Pakistan, e portato in una stazione di polizia a 25 miglia dalla città di Amritsar. Il piccione aveva un anello attorno al suo piede e un numero di telefono pakistano e l’indirizzo impresso sul suo corpo in inchiostro rosso.

La polizia ha sospettato che il piccione fosse su suolo indiano con un messaggio ma non è mai stata trovata nessuna nota. L’uccello è stato medicalmente esaminato e tenuto in una stanza con aria condizionata, sotto scorta della polizia e ritenuto colpevole di spionaggio.

Capre contro la Polizia

(foto:Web)

 

Nel giugno 2013, tre capre sono stati arrestate da alcuni agenti dopo essere state accusate di aver danneggiato un veicolo della polizia. Gli animali sono stati afferrati e messi in una gabbia dopo che le autorità di polizia indiane si sono arrabbiate per il loro presunto vandalismo persistente.

Le capre sono salite sulla nuova auto e hanno danneggiato i tergicristalli e i vetri, graffiato la vernice del cofano e del corpo dell’auto.

Quando gli agenti di polizia sono giunti sul luogo, hanno trovato solo un trio di capre, ma rapidamente hanno identificato il loro proprietario nella 37enne Mary Arogynathan e hanno presentato una denuncia contro la donna. Gli animali sono stati poi consegnati alla Società per la Prevenzione della Crudeltà verso gli Animali (SPCA).

Mucca testimone

(foto:Web)

Una mucca è in qualche modo impigliata in un caso di omicidio coinvolge alcuni giovani a Sango Ota, nello stato di Ogun, nel sud-ovest della Nigeria. I giovani erano riuniti per preparare una festa di carnevale, quando una discussione è scoppiata tra alcuni di loro, portando uno dei ragazzi , identificato come Dayo, a rompere una bottiglia e ad usarla per pugnalare il 24enne Azeez Salako, morto poi dissanguato.

Dalla scena del crimine scapparono tutti, tranne la mucca, acquistata per essere macellata durante il carnevale.  La polizia ha arrestato la mucca e l’ha trascinata alla stazione di polizia.

Scimmia fuggitiva

(foto:Web)

Le autorità nella provincia del Punjab del Pakistan hanno “arrestato” un intruso transfrontaliero identificato come una scimmia trovata a vagare a Cholistan, dopo aver viaggiato tutta la strada dall’India.

La scimmia catturata dai funzionari della fauna selvatica Bahawalpur è stata portata allo zoo cittadino e soprannominata Bobby. 

Elefante pluriomicida

(foto:Web)

A gennaio 2013, Ramachandran (il nome dell’elefante), durante una festa religiosa , è improvvisamente impazzito e ha iniziato un massacro, uccidendo 3donne.

Dopo l’incidente è stato aperto un procedimento penale contro l’animale. L’elefante è stato arrestato e tenuto sotto la supervisione del dipartimento ambientale, mentre il suo proprietario ha dovuto pagare 30 lakh di rupie e trovare due garanti. Inoltre, dopo l’incidente l’elefante è stato squalificato per tre mesi dalla partecipazione alle feste e processioni di tali eventi.