diredonna network
logo
Stai leggendo: Gli italiani credono nel destino in amore!

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

Gli italiani credono nel destino in amore!

Italiani popolo di scettici e cinici? Forse, ma sicuramente non in amore, dato che da un sondaggio condotto da Meetic risulta che i single del Bel Paese credono nel destino per incontrare l'anima gemella!
(foto:Web)

 

Sebbene per quanto riguarda la vita in generale, gli italiani si dimostrano un popolo di cinici e scettici che non crede nel destino, quando si tratta di questioni amorose l‘81% dei single dichiara di credere nel fato e che questo abbia in serbo qualcosa per ognuno di noi, ma, nonostante questo, l’80% ha voluto precisare che in campo sentimentale bisogna essere protagonisti e mettersi in gioco prendendo l’iniziativa.

Questo a parole sia chiaro, dato che dai dati raccolti da Meetic (sito molto conosciuto di incontri online), il 70% degli italiani è ancora fermo a porsi la classi domanda: “Come sarebbe andata se…?“.

Il 32% di loro si interroga su come sarebbe potuta andare se ci si fosse messi in gioco un po’ di più, mentre il 19% ammette di mancare di coraggio nel dichiarare i propri sentimenti.

Insomma, magari gli italiani non sono un popolo di scettici e cinici, ma sicuramente di incoerenti dato che i single del Bel Paese nonostante predichino bene alla fine dichiarano di essersi fermati nella maggior parte dei casi a pensare sulla scelta più giusta da fare per aiutare il destino, e decidere alla fine di non fare nulla e lasciarsi guidare dall’istinto e dal momento (78%).