diredonna network
logo
Stai leggendo: “Mi sento in vena di stupro!” Maglietta shock in vendita su eBay

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

Quel "signora, ha goduto?" quando 5 uomini stuprarono Franca Rame

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

"Mi sento in vena di stupro!" Maglietta shock in vendita su eBay

Magliette sessiste, con messaggi ricchi di violenza, vengono vendute su eBay e scatta la polemica.
(foto:Web)
(foto:Web)

 

“Mi sento in vena di stupro” oppure “A volte no significa si”.

Questi sono i testi di alcune t-shirt, che vorrebbero risultare ironiche ma che in realtà sono solo di pessimo gusto, in vendita su eBay.

Sul popolare sito di vendite online si può vendere praticamente ogni tipo di oggetto, ma EverdyDay Sexism ha denunciato la vendita delle magliette che celebrano la violenza sessuale. EverdyDay Sexism è un progetto sul web che raccoglie ogni episodio di sessismo subito dalle donne nel mondo.

(foto:Web)
(foto:Web)

L’uomo che ha messo in vendita le magliette sul sito si è giustificato spiegando che il tutto era stato fatto in maniera “ironica” ma questo non è bastato ad evitare che si alzasse, giustamente, un polverone tramite social network. EverdyDay Sexism ha chiesto ai suoi 94mila followers, di protestare contro eBay, colpevole di aver pubblicato l’inserzione, senza censurarla.

Il sito ha fatto sapere con un tweet che l’inserzione sessista era stata cancellata, evidenziando come: “Su eBay non è ammessa la presenza di materiale inappropriato né di articoli che celebrano la violenza”.

 

Questo però purtroppo non è un caso isolato. Già un’altra linea di abbigliamento utilizzava espressioni come:  “Bella la tua ragazza, di che razza è?” o “Tu mi hai provocato” collegate alla violenza sulle donne.