diredonna network
logo
Stai leggendo: La commessa definisce il suo anello “patetico”: la risposta a questa domanda è magistrale

Jessica, perde la memoria ma si innamora di nuovo dello stesso uomo

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

La commessa definisce il suo anello "patetico": la risposta a questa domanda è magistrale

“Da quando abbiamo iniziato ad equiparare l'amore ai beni materiali?”. Da qui parte la lunga e profonda riflessione social di Ariel, dopo aver sentito la commessa definire ‘patetico’ il suo anello di fidanzamento.
Difende l'anello di fidanzamento

Dopo aver sentito la commessa della gioielleria definire “patetico” il suo anello di fidanzamento da 130 dollari, Ariel Derisiree McRae, donna e moglie profondamente innamorata del marito Quinn McRae, non è riuscita a trattenere il suo rammarico misto a incredulità. Per questo ha deciso di condividere uno stato d’animo pubblicando un post su Facebook in cui mostra i due anelli sull’anulare, diventato subito virale con ben 45mila condivisioni!

Mio marito non ha molti soldi, nessuno dei due li ha. Dobbiamo racimolare ogni centesimo per le bollette e la spesa, ma dopo due anni di fidanzamento abbiamo deciso che non potevamo aspettare. Non ci pensavo neanche all’anello. Volevo solo sposare il mio migliore amico, ma lui ci ha pensato. Ha risparmiato dei soldi per regalarmi due anelli in argento e zirconio. Quelli che vedete in foto al mio dito e sono innamoratissima di questi due anelli”

– scrive Ariel e continua raccontando il triste episodio.

Mentre li stava acquistando, una commessa si è avvicinata all’altra dicendo: ‘Riesci a credere che un uomo possa comprare questi come anelli di fidanzamento? Patetico’. Mentre lo diceva, ho guardato il volto di mio marito. Già si sentiva in colpa perché non poteva permettersi di più, ha vissuto la cosa come un fallimento. E continuava a chiedermi: ‘Sei sicura che questi due anelli ti faranno felice?’. Era così amareggiato all’idea che non mi rendessero felice o che non volessi sposarlo perché non costavano abbastanza e non erano vistosi. La vecchia Ariel avrebbe distrutto moralmente la signora. L’Ariel matura ha preferito commentare: ‘Non è l’anello che conta, ma l’amore che ci metti nel comprarlo’. Abbiamo preso gli anelli e siamo andati via. Io lo avrei sposato anche con un anello da 25 centesimi delle macchinette delle gomme da masticare”.

Quelle di Ariel sono parole colme d’amore nei confronti di un uomo che, nonostante le difficoltà economiche, sa come renderla felice. La donna si è poi lasciata andare ad una lunga e profonda riflessione social, condivisa da moltissime altre donne.

Quando siamo diventati una nazione che pensa che solo chi compra un anello da 3mila dollari e lo rende pubblico ama davvero una donna? Perché dobbiamo equiparare l’amore ai beni materiali? Mio marito era così spaventato all’idea che potessi non volerlo perché non poteva permettersi un gioiello. Invece sono qui, sposata, 2 anelli da 130 dollari al dito, con l’amore della mia vita e sono più felice di quanto potessi immaginare”.

La storia di Ariel ha raccolto larghi consensi e, in pochissimo tempo, ha fatto il giro del web richiamando perfino l’attenzione dei media, al punto che la donna ha poi voluto fornire maggiori dettagli sulla sua incredibile storia d’amore, raccontando come si sono conosciuti, delle lunghissime telefonate, dichiarando di essersi innamorata fin dal primo momento di suo marito e, probabilmente se glielo avesse chiesto, lo avrebbe sposato dopo il primo appuntamento!

Un post che invita a riflettere sul reale significato della parola amore, sulla grandezza e autenticità di questo sentimento che non conosce misura.