powered by

Next video

Cosa faresti se vedessi maltrattare una donna?

Clear

“Patata, topina, passerina”… Quanti termini ci siamo inventate per non chiamare la vulva col suo nome?

Eppure non c’è proprio nulla di male nel chiamare le cose col loro nome, e questo vale anche per lei: la vulva. Che non è da confondersi con vagina, e che non ha bisogno di nomignoli o soprannomi per essere nominata, perché non parliamo di nulla per cui dobbiamo provare imbarazzo, sentirci “sbagliate” o provare vergogna o colpa.

Insomma, quando cominceremo a capire che la vulva fa parte del nostro corpo, e smetteremo quindi di demonizzarla o di appiccicarle definizioni assurde? Intanto, cominciamo a fare chiarezza: la vulva è il tutto, mentre la vagina è il punto da cui escono i bambini o che viene penetrato durante i rapporti sessuali vaginali. L’orifizio uretrale, infine, è quel “buchino”, che si trova proprio sopra la vagina, da cui esce la pipì.

9 cose che dimostrano che non sai niente (o molto poco) della tua vulva

Potrebbe essere scontato per molte donne, ma le statistiche insegnano che non è affatto così.

Imparando a conoscere il nostro apparato genitale, forse, riusciremo finalmente anche a togliere ogni imbarazzo che lo riguarda, e a mettere  da parte quei termini bizzarri per chiamare semplicemente la vulva… Vulva.

Se lei potesse parlare, siamo certe che gradirebbe essere chiamata solo e soltanto con il suo nome ed è per questo che abbiamo voluto darle voce nella miniserie di video “Se la tua vulva potesse parlare”.

Articolo originale pubblicato il 24 Settembre 2020

La discussione continua nel gruppo privato!
powered by

Nuvenia, tra i principali brand nel settore degli assorbenti femminili, supporta le donne nei giorni del ciclo, per garantire loro massimo comfort e benessere, ed è al loro fianco per abbattere stereotipi e tabù sulle mestruazioni.
Nuvenia è un marchio Essity, azienda leader nel settore dell’igiene e della salute.

  • Chiamiamo le cose col loro nome