logo
Stai guardando: “Alba ha diritto alla verità su sua madre”, le dolci parole di Luca Trapanese

"Alba ha diritto alla verità su sua madre", le dolci parole di Luca Trapanese

Per provare a guardare con occhi diversi la disabilità, uomo single e omosessuale, che ha espressamente chiesto di poter diventare padre di un bambino disabile e ha incontrato così sua figlia, Alba, affetta da sindrome di down.

Prossimo video

Cosa faresti se vedessi maltrattare una donna?

Annulla

“Alba è una bambina che ha diritto di sapere la verità. Quindi io le dirò che la madre l’ha amata così tanto da lasciarla in ospedale: sapeva che sarei andata a prenderla io, che sono il suo papà.
In realtà è quello che penso: io penso che la madre di Alba abbia fatto una scelta di grande dignità e di coraggio e, soprattutto, una scelta di civiltà.

Perché la legge prevede che una donna, consapevole di non poter essere madre, porti avanti la sua gravidanza e partorisca in ospedale e garantisca al proprio figlio una continuità, una salvezza, una sicurezza. E allora io non mi sento di giudicare la madre di Alba: per me la madre di Alba è una donna che ha avuto un grande coraggio”.

Luca Trapanese oggi è il papà single di Alba. La sua scelta di fare esplicita richiesta di affido di un bambino disabile al Tribunale dei Minori di Napoli ha fatto parlare tanto di lui e della sua bambina.

Alba è entrata nella sua vita a pochi giorni di vita, dopo che la madre biologica l’ha partorita e l’ha lasciata in ospedale.

In quest’intervista Luca ha indirizzato alla donna parole bellissime, ben distanti dall’odio e dalle critiche feroci che in molti si sono sentiti in diritto di rivolgerle, senza neppure conoscerne la storia.
Alla lei, alla donna che ha partorito Alba, noi al tempo dedicammo questo articolo, cui le parole di Luca Trapanese oggi danno ancora più valore:

Luca ha poi raccontato cosa significhi essere un padre single e omosessuale in un’Italia in cui il concetto di famiglia sta cambiando, nonostante i molti pregiudizi; prima di fare un augurio ad Alba che è la dedica dolcissima di un padre, ma anche di un uomo a tutte le famiglie che hanno un figlio disabile.

Sulla storia sua e di Alba, Luca Trapanese ha scritto anche un libro dal titolo evocativo, Nata per te (edito da Einaudi):