Come ho fatto coming out: le reazioni dei genitori al Torino Pride [VIDEO]

In un mondo in cui l'omosessualità è ancora legata a pregiudizi e streotipi, fare coming out può non essere facile. Ecco le testimonianze e le storie raccolte al Pride di Torino.

Next video

Donne e caldo afoso [VIDEO]

Clear

La consapevolezza della propria interiorità spesso coincide con la difficoltà nel comunicarla agli altri. Fare coming out con i propri genitori, forse, è uno dei momenti più difficili, a prescindere dalla possibile reazione degli stessi.

Cosa succederà? Cosa diranno mamma e papà? Cosa penseranno gli amici? Sono tante le domande che affollano la mente di chi si appresta a “uscire allo scoperto”. Perché “coming out”, letteralmente, significa proprio questo. Abbreviazione di “Coming out of the closet” (uscire dal ripostiglio), fare coming out sta a indicare l’atto volontario di comunicare agli altri il proprio orientamento sessuale.

E in un mondo in cui l’omosessualità è ancora legata a pregiudizi e stereotipi, il coming out può, purtroppo, non essere facile. Al Pride di Torino abbiamo raccolto un po’ di testimonianze: abbiamo parlato con tante persone e ci siamo anche commossi. Guardate dall’inizio alla fine il video che trovate qui sopra per scoprire tutte le storie di chi ha voluto raccontarsi con noi: è stata una giornata bellissima. E ricordate sempre: love is love!

La discussione continua nel gruppo privato!
  • Interviste su strada