logo
Galleria: Se i protagonisti di cartoni o fumetti abbandonassero il loro cane in 10 immagini

Se i protagonisti di cartoni o fumetti abbandonassero il loro cane in 10 immagini

Se i protagonisti di cartoni o fumetti abbandonassero il loro cane in 10 immagini
Foto 1 di 11
x

I cani abbandonati sono una triste realtà estiva. In moltissime nazioni del mondo Occidentale, quando arriva la bella stagione, nonostante gli spot e le campagne pubblicitarie sociali, gli abbandoni di animali domestici continuano a essere troppo.

Questi cani finiscono sulle strade, diventando un pericolo per se stessi e per gli automobilisti – tanto che spesso vengono investiti o muoiono di fame e di sete – oppure in canile. Nel migliore dei casi diventano cani stanziali nelle città – i cosiddetti cani di quartiere, una figura istituzionale ormai da anni, anche se la strada per il rispetto incondizionato di questi animali sembra molto lontano. I volontari animalisti spesso collegano gli abbandoni estivi con i regali di Natale: un cucciolo portato in casa durante le Feste, spesso diventa un abbandono nei 6-8 mesi successivi all’adozione.

Animali come cani e gatti – ma soprattutto cani – sono i protagonisti delle storie a fumetti o dei cartoni animati che leggiamo o vediamo. Pensiamo a Snoopy, nel mondo dei Peanuts, oppure a Pluto, l’inseparabile migliore amico di Topolino, o a Scooby-Doo, che ci ha insegnato come nessun fantasma può farci paura quanto le agenzie immobiliari senza scrupoli. Così un artista, il francese Nicolas Amiard, ha pensato di realizzare delle tavole di finte copertine di fumetti con dei cani abbandonati.

Il primo museo per cani apre a New York tra ciotole giganti e cuccioli in adozione

Il primo museo per cani apre a New York tra ciotole giganti e cuccioli in adozione

Questi cani abbandonati sono appunto i personaggi delle storie più amate, da I Simpson ad Asterix, che vengono mostrati mentre i loro compagni umani si allontanano alla volta delle vacanze, da soli o in compagnia.

Il progetto personale di Amiard prende il nome di Summer Adventures, ossia «Avventure estive», ma in questo caso sarebbe meglio parlare di disavventure, almeno dal punto di vista dell’animale. Queste immagini sono a forte impatto visivo, perché ci aiutano a capire quando i cani o gli animali domestici in generale siano imprescindibili per coloro con cui vivono: riusciremmo mai a immaginare Charlie Brown senza Snoopy, Ash senza Pikachu oppure Bart Simpson senza il Piccolo Aiutante di Babbo Natale?