logo
Galleria: “Conosco ragazze che…”: il potente e deflagrante messaggio di Mary Lambert

"Conosco ragazze che...": il potente e deflagrante messaggio di Mary Lambert

Dopo un'infanzia di abusi, la cantautrice Mary Lambert è rinata grazie alla musica e alla scrittura: nelle canzoni e nelle poesie non ha paura di parlare dei suoi traumi

Conosciamo Mary Lambert per un successo di qualche anno fa, intitolato Same Love e cantato insieme a Macklemore e Ryan Lewis. Sebbene in Italia non sia molto nota, negli Stati Uniti è una cantante e poetessa molto apprezzata. Si batte da tempo per i diritti della comunità LGBT e per la body positivity, ovvero l’accettazione del proprio corpo in ogni sua sfumatura.

Originaria di Seattle e sopravvissuta ad abusi durante la sua infanzia, Mary Lambert usa la musica come potente mezzo per comunicare con chi, come lei, si sente escluso. “Non sono il tipo di persona che evita di parlare dei problemi”, ha raccontato in una recente intervista a BUST. “Sono il tipo di persona che diventa vulnerabile suo malgrado. Non so come evitarlo o come non essere completamente candida riguardo a me stessa e mostrare tutte le mie ferite. Ma penso che in qualche modo sia diventato il mio lavoro e ne sono grata”.

Mary Lambert ha recentemente pubblicato le sue poesie nella raccolta Shame Is an Ocean. In uno dei suoi primi componimenti, intitolato I Know Girls (Bodylove), ha spiegato come ci si sente in un corpo che per i canoni della società non va mai bene. Ecco le sue parole, diventate un video di cui è lei stessa protagonista.

Conosco ragazze che provano a entrare nei canoni della società
Come ci si strizza nel vestito per il ballo dell’anno scorso
Conosco ragazze che sono con la vita bassa, ombretto impermeabile, e si sbronzano.
Conosco ragazze che si chiedono se sono abbastanza disastrate e sexy per conformarsi.
Conosco ragazze che stanno fuggendo alle bombe delle moschee della loro pelle,
Giocando alla roulette russa con la morte; non è mai facile accettare
Che i nostri corpi sono fallibili e difettosi.
Ma quando oltrepassiamo il limite?
Quando il coltello ferisce la pelle?
Non è la stessa cosa di purificarsi,
Perché siamo così ossessionate dalla morte
Alcune donne hanno solo più coraggio di altre
La cosa divertente è che le donne come noi non sparano
Noi ingoiamo pillole, volendo ancora essere belle per l’obitorio
Continuando ancora a truccarci
Sperando ancora che il becchino ci trovi scopabili e attraenti
Tanto vale che ci seppelliscano con le nostre scarpe
E le nostre borse e sciarpe, ragazze
Noi flirtiamo con la morte ogni volta che imprimiamo un segno
Sulla nostra pelle
So anche come tagliarmi i polsi come se fossero un campo di battaglia
Ma è arrivato il tempo per noi di reclamare i nostri corpi
I nostri corpi meritano di più di essere lacerati dalla guerra e collaterali
Offrendo questa scopabilità come un patetico modo di dire
“So di esistere solo quando sono desiderata”
Le ragazze come noi sono difficili da desiderare, lo sai?
Noi siamo esauste, e tristi, e ubriache, e
In perenne attesa vicino al telefono per qualcuno a cui rispondere e ci dica che
Siamo state brave.
So chi chi sono, perché ho detto “Io sono”
Il mio corpo è la mia casa

Sfogliate la gallery per continuare a leggere la storia di Mary Lambert…

“Conosco ragazze che…”: il potente e deflagrante messaggio di Mary Lambert

"Conosco ragazze che...": il potente e deflagrante messaggio di Mary Lambert
Foto 1 di 8
x
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...