Margot Robbie: "Tutto è iniziato quando ho dato un pugno a Leonardo Di Caprio"

Margot Robbie: "Tutto è iniziato quando ho dato un pugno a Leonardo Di Caprio"
Fonte: The Wolf of Wall Street
Foto 1 di 11
Ingrandisci

Per chi tra noi è un cinefilo, Margot Robbie è arrivata nelle nostre vite un po’ all’improvviso. Classe 1990, australiana, l’attrice ha esordito nel 2008 in televisione con la soap opera Neighbours (e alcuni ruoli da guest star in telefilm vari) e al cinema con Vigilante.

Il primo ruolo più importante per cui la ricordiamo è però The Wolf of Wall Street, in cui è stata la protagonista femminile, nel 2013, accanto a Leonardo DiCaprio. Ma come seppe far colpo sul regista Martin Scorsese? Con un pugno a DiCaprio, come racconta lei stessa in un’intervista al Corriere della Sera.

Durante il provino colpii DiCaprio con un pugno. Non se lo aspettavano, né lui, né Scorsese, ma era quello che ci voleva per esternare le emozioni che mi avevano chiesto di esprimere.

Margot Robbie è una donna bellissima con una grossa personalità e una storia interessante. Era molto brava a scuola, tanto che si diplomò a 17 anni. La madre voleva che proseguisse gli studi e diventasse avvocato, ma a lei interessava di più fare l’attrice. Così, dopo il diploma e un breve periodo in un’università privata, andò a Melbourne e, come capita a molte attrici, iniziò a lavorare per una catena di fast food. Finché non giunse la succitata soap opera australiana.

"Bombshell": il coraggio di essere le prime a denunciare a ogni prezzo

Poco dopo essere stata in The Wolf of Wall Street, Margot Robbie fu lanciata nel cinema europeo con Suite francese, sul cui set conobbe il marito Tom Ackerley nel 2014, andando da subito a vivere con lui a Londra, e che sposò due anni più tardi. Ora la coppia vive a Los Angeles dove ha fondato una casa di produzione, la Lucky Chap Entertainment, a testimoniare quanto trovarsi al posto giusto al momento giusto sia stato fondamentale per Margot, che è diventata una delle donne-simbolo dei film di Quentin Tarantino con C’era una volta a Hollywood.

Scrissi una lettera a Quentin dicendogli che avrei tanto voluto lavorare con lui. Mi rispose che aveva già pensato a me. Qualche volta la vita è soprattutto una questione di fortuna.

Margot Robbie è una femminista: questo traspare dai suoi ruoli, che esploriamo nella gallery di seguito, ma l’attrice crede che ci sia molto lavoro da fare sia sul piano culturale sia sul piano pratico (come per esempio la parità di salario indipendentemente dal genere). Intanto si appresta a prestare il volto a una Barbie.

Credo – ha spiegato – che sarà una grande opportunità per far passare un messaggio positivo ed essere fonte d’ispirazione per le bambine di oggi». Una cosa può aiutarla: che almeno gli stereotipi sulle bionde sono ormai passati di moda.