Martin Scorsese: le donne del suo cinema - Roba da Donne

Martin Scorsese è uno di quei registi che, nel tempo, ci ha regalato film indimenticabili, soprattutto quelli interpretati da due dei suoi attori feticcio per eccellenza: Robert De Niro e Leonardo DiCaprio. Sono molti i lavori di Scorsese con un cast a prevalenza maschile ma questo non equivale a un presunto maschilismo del regista.

Le quote rosa hanno un senso in politica, dove una donna può avere difficoltà perfino dal punto di vista dell’accesso alle candidature, ma non nei ruoli al cinema – perché, come vengono raccontate storie a prevalenza maschile, ne vengono raccontate altre a prevalenza femminile sul grande schermo.

Si tratta di un dibattito abbastanza futile, che però non risparmia registi come Martin Scorsese o Quentin Tarantino. Tra le critiche rivolte al film C’era una volta a Hollywood, ce n’è stata una relativa al numero di dialoghi nel copione di Margot Robbie, che interpretava il personaggio di Sharon Tate. Fortunatamente una parte della critica – e anche la famiglia della stessa attrice scomparsa – ha elogiato il ritratto di Tate reso da Tarantino, una lettera d’amore a una diva il cui fascino riusciva a incantare anche senza l’uso di parole, un po’ come per le regine del cinema muto. Un fascino che ancora oggi resta impalpabile soprattutto a causa del tragico finale nella vita dell’attrice.

Quel genio di Tarantino che rende "stupido" e un po' "scimmione" Brad Pitt

Tanto più la presunta misoginia di Tarantino crolla di fronte al fatto che ha dedicato interi film alle risorse femminili – come Jackie Brown, A prova di morte, Kill Bill. Per Martin Scorsese il succo non cambia: nei suoi film, esclusi quelli che mettono solo i personaggi maschili in primo piano, le donne sono delle chiavi di volta per comprendere la storia o necessarie per il suo svolgimento. Come la misteriosa figura di Rachel Solando, alla cui ricerca parte il personaggio di Leonardo DiCaprio all’interno di un manicomio criminale nel film Shutter Island. Tuttavia, al regista continuano a chiedere come mai le donne non siano mai centrali nelle sue opere.

Questa domanda me la fanno dagli anni ’70 – ha detto Scorsese, come riporta Vanity Fair, durante la presentazione del nuovo film The Irishman, in distribuzione da novembre 2019 – davvero devo rispondere? Poi chiedetelo a Sharon Stone se è veramente così, non a me.

Sfogliamo quindi la gallery per conoscere le donne protagoniste nei film di Martin Scorsese.

Le donne pazzesche di Martin Scorsese e quella domanda che proprio non ci sta
Fonte: Instagram @ martinscorsese_
Foto 1 di 15
Ingrandisci

Articolo originale pubblicato il 14 Novembre 2019