logo
Galleria: Chi è Lizzo, icona mondiale della body positive e dell’amore per se stessi

Chi è Lizzo, icona mondiale della body positive e dell’amore per se stessi

Chi è Lizzo, icona mondiale della body positive e dell'amore per se stessi
Foto 1 di 10
x

Nell’immenso panorama del rap statunitense, c’è una figura che esce un po’ dai canoni. Non solo perché è una donna curvy e un’afroamericana – ci sono tantissime donne rapper afroamericane molto in gamba e formose, da Missy Elliot a Nicki Minaj – ma per la specificità del suo messaggio. Si tratta di Lizzo, una vera e propria eroina della body positivity. Classe 1988, tre album all’attivo (il terzo esce il 19 aprile, Cuz I Love You) e un background musicale eclettico e variegato – il padre è un appassionato di rock classico, ascolta tutto da Elton John ai Queen, la sorella è più interessata alla indie music, come Bjork o i Radiohead, ma in famiglia hanno ascoltato anche tantissimo gospel, come riporta il Guardian.

Il problema grave non sono solo gli insulti alle modelle curvy di Calvin Klein Underwear

Il problema grave non sono solo gli insulti alle modelle curvy di Calvin Klein Underwear

Lizzo è un’eroina non convenzionale – o meglio, non è convenzionale per quello che è il pensiero comune sul rap. Lei va alla radice della musica afroamericana ed è proprio lì che si trova il suo pensiero body positive. Perché il rap è in un certo senso figlio di quel gospel che Lizzo ascoltava da bambina, è figlio degli spiritual, del jazz e del soul. È un canto di libertà – una libertà dagli stereotipi, che punta all’accettazione di ognuno, ognuno nella propria diversità, ognuno nella propria peculiarità, ognuno nel proprio essere speciale.

Quando ero giovane – ha raccontato Lizzo in un’intervista a Paper Magazine – non mi rivedevo nei media. Non mi rivedevo nella moda. Non mi piaceva il mio aspetto per quello che vedevo in televisione. Non mi rifletteva, così per diventare super body positive, penso che il mio viaggio fosse separato da tutto questo. Dovevo davvero imparare. Dovevo raggiungere la cima amando me stessa e imparando da me stessa. Sto ancora imparando, non ho raggiunto la cima. Ho i miei momenti, ma è attraverso quel processo che penso di poter aiutare altre persone.