logo
Galleria: “Ho smesso di fare la guerra al mio corpo”: parola di Julia, ballerina plus-size

"Ho smesso di fare la guerra al mio corpo": parola di Julia, ballerina plus-size

La storia di Julia Del Bianco, ballerina plus-size, ci insegna che nessuno ha il diritto di toglierci i nostri sogni solo perché non rispondiamo a uno standard.

Ciascuno dovrebbe essere libero di inseguire i propri sogni, senza che nessuno si senta in dovere (o in diritto) di tarpargli le ali.

Nessuno dovrebbe sentirsi limitato dai giudizi della gente, inadeguato o inadatto a fare qualcosa, eppure molto spesso le persone rinunciano ai propri sogni, perché la società le porta a sentirsi costantemente in difetto, imperfette, fuori luogo.

Quante persone, ad esempio, si fanno fermare da un peso ritenuto “troppo ingombrante” per fare certe cose o aspirare a determinati lavori, e vengono stigmatizzate da chi si permette di guardarle dall’alto in basso e di sentenziare che loro “non c’entrano proprio niente”, “che sono ridicole”, “che sono brutte”.

Bene, questa è invece una storia di riscatto e, a suo modo, di ribellione da tutti i dogmi imposti da una mentalità che ci vorrebbe tutti in forma, equiparando poi la forma fisica alla bellezza, che già di per sé è un concetto piuttosto opinabile.

È la storia di Julia Del Bianco, cresciuta con il sogno di indossare scarpette e tutù, e che quel desiderio lo ha portato avanti nonostante abbia scelto di entrare in un mondo dove la magrezza è vista quasi come dote imprescindibile per accedervi.

Julia, pur avendo ricevute molte porte in faccia nella sua vita, non ha mai rinunciato alla sua passione per il ballo, e anzi proprio attraverso la danza ha trovato il modo per veicolare un messaggio positivo e di grande fiducia per sé e per le persone che come lei vengono discriminate in base alle proprie caratteristiche fisiche. Perché lei oggi ce l’ha fatta, con la caparbietà, con la volontà e la tenacia, ed è diventata non solo una ballerina, ma anche un’insegnante. Che, siamo sicure, trasmetterà alle sue allieve il concetto più importante: che le persone non vanno inserite in categorie predefinite, e che nessuno ha il diritto di toglierci delle aspirazioni.

Ho deciso di smettere di fare la guerra al mio corpo per cercare di adattarmi a uno standard che non fa per me – ha detto – […] Le persone che parlano, parleranno sempre. Tanto vale fare ciò che ci rende felici. Sempre.

Abbiamo raccontato la sua storia a lieto fine nella gallery, prendendo alcune immagini davvero emozionanti dal suo account Instagram.

“Ho smesso di fare la guerra al mio corpo”: parola di Julia, ballerina plus-size

"Ho smesso di fare la guerra al mio corpo": parola di Julia, ballerina plus-size
Foto 1 di 9
x
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...